3 anni

Il bambino dovrebbe aver oramai imparato a seguire una dieta variegata, sana e completa. Importante sarà allora mantenere le buone abitudini, aggiustando solo il tiro là dove potrebbe servire.

Ecco le linee guida da seguire:

Non eccedere nei latticini  – Una tazza di latte intero per colazione (o al massimo parzialmente scremato ma mai totalmente scremato) andrà benissimo ma poi basta: il latte è un vero e proprio alimento e non una bevanda da assumere come fosse un succo di frutta. Potrete invece introdurre nei pasti principali 2-3 volte alla settimana del formaggio o dello yogurt un paio di volte come merenda

Bevande zuccherate – Hanno un importante apporto calorico e non vanno dunque bevute alla stregua del classico bicchiere di acqua. Alcuni genitori pensano addirittura che un succo di frutta possa sostituire la frutta fresca: niente di più sbagliato.

Almeno 50 grammi di verdure – Si tratta di una vera e propria educazione che dovrebbe spingere i bambini a inserire sempre e comunque delle verdure nella propria dieta. I genitori non devono comunque mai demordere e, invece, dovranno trovare modi creativi per inserire le verdure nel menù dei bambini.

La merenda – Pane, burro e marmellata è decisamente da preferire a merendine e snack confezionati: i nutrienti non sono certo gli stessi e in più anche i tempi di consumo cambiano, rendendo la prima opzione decisamente da preferire poiché più saziante.

Evitare eccessi di zuccheri – Teniamo torte, budini e cioccolata per giornate speciali come le feste. Eviteremo così di creare nei bambini una dipendenza da zuccheri difficile poi da superare anche perché, come ben sappiamo, quando si parla di cibi molto grassi e molto dolci mantenere il controllo è assai difficile e si finisce per farne un abuso.

Eccesso di consumo di carne rossa – Decisamente preferibile la carne bianca così come meglio non ecceder mai nel consumo dei salumi, in particolare quelli più grassi.

Legumi – Sarebbe bene consumarli due o tre volte a settimana ma ricordando sempre che si tratta di un secondo piatto non di un contorno. Il vantaggio è che se ne possono preparare grandi quantità per poi surgelarli e averli pronti all’uso.

Pesce fresco – Lui proprio non deve mai mancare e andrebbe consumato 2-3 volte la settimana. Potete iniziare con pesci più delicati e leggeri come la sogliola per passar poi a quelli più saporiti come il pesce azzurro.

Una volta appresi must e cibi da evitare la dieta perfetta per i più piccoli sarà pronta all’uso.

1 2 3 8