Come fare una crostata perfetta: ecco i trucchi per realizzarla al meglio

Gennaio 29, 2021Cristina Biondi
crostata

È un dolce classico della tradizione da consumare in qualsiasi momento della giornata. Stiamo parlando della crostata: scopri i trucchi per farla perfetta. 

La crostata è uno dei dolci più comuni ideale da consumare in qualsiasi momento della giornata. A colazione, a merenda o semplicemente dopo un pasto, una fetta di crostata è sempre un piacere del palato adatto ad ogni occasione.

Un dolce perfetto anche per i bambini che possiamo preparare con la confettura di albicocche o la marmellata di qualsiasi altro frutto. Non solo, la crostata è ottima anche con crema, cioccolato o Nutella. Insomma possiamo declinarla nei sapori e gusti che preferiamo. 

Non sempre però la crostata viene come dovrebbe ciò significa che il risultato lascia a desiderare. Ad esempio quando la tagliamo resta troppo molle o si sbriciola, in questi casi significa che abbiamo commesso qualche errore. Ecco come preparare una crostata perfetta.

Ecco i trucchi per preparare una crostata perfetta

crostata perfetta
Pixabay

Premesso che non siamo qui a dirvi dosi e ingredienti per una crostata perfetta bensì piccoli accorgimenti o trucchi per realizzare un dolce in maniera impeccabile. Vogliamo dirvi quello che dovrete e non dovrete fare per ottenere un risultato perfetto.

La crostata infatti è uno dei classici dolci, al pari della torta di mele, di cui vi abbiamo fornito diverse varianti, che si possono preparare facilmente a casa e che sanno di cibo buono e genuino. 

Scopriamo allora come realizzare una crostata perfetta con questi piccoli trucchi. 

1) Pasta frolla. Partiamo dalle basi. La pasta frolla della crostata dovremo farla a mano perché usandone una già pronta già comprometterebbe il nostro risultato. E poi c’è pasta frolla e pasta frolla. Non tutte infatti sono uguali. E alcune considerate più light non prevedono l’utilizzo del burro. Ecco un’ottima ricetta a tal proposito. Ma se vogliamo ottenere la “classica crostata” il burro ci vuole e non dovremo essere tirchi. In genere con 300 grammi di farina si calcolano 120 grammi di burro. Ricordiamo inoltre di aggiungerlo freddo lavorando meno possibile la pasta frolla proprio per non scaldarlo. 

2) Dilemma lievito. Tanti consigliano di non metterlo vedi Iginio Massari. Ma qui dipende da qual è la vostra consistenza di crostata preferita. Se vi piace morbida, ma leggermente croccante, e che frolli in bocca, meglio non metterlo. Se invece vi piace la consistenza di una torta e quindi più morbida potrete aggiungere una puntina di lievito. In sua sostituzione andrà bene anche il bicarbonato. 

3) Riposo obbligatorio. Un passaggio fondamentale è lasciar riposare la frolla in frigorifero. Il tempo ideale va dai 30 ai 60 minuti questo serve a non ottenere un impasto troppo molle poi difficile da stendere. Un trucco per vedere se l’impasto è della consistenza giusta è di infilarci un dito dentro. Se arriviamo a metà impasto significa che è pronto per essere steso. Se è duro lasciamolo fuori dal frigo per circa 15 minuti e poi stendiamolo. Altra accortezza è di infarinare bene il piano di lavoro quando andiamo a stendere l’impasto altrimenti si attaccherà allo stesso.

4) Ripieno proporzionato. Importante sarà dosare la giusta quantità di confettura, crema o quello che usiamo per farcirla. Se la frolla è sottile e mettiamo troppa marmellata rischiamo l’effetto stucchevole e anche di romperla quando andiamo a tagliarla. Se invece è spessa e ne mettiamo poca il risultato sarà una crostata insipida e difficile da mandare giù. 

5) Strisce ordinate. Oltre ad essere tutte uguali le strisce della crostata dovranno essere disposte in maniera ordinata questo per non far indurire la farcitura. 

6) Attenzione allo stampo. Il migliore è quello con il fondo estraibile in questo modo i bordi resteranno intatti. Altrimenti possiamo creare con la carta da forno due strisce e disporle a croce sul fondo della teglia così da estrarre la crostata facilmente attraverso i lembi che fuoriescono. 

7) Temperatura del forno bassa. Non esageriamo con il calore del forno andrà bene cuocerla intorno ai 170°-180° per avere una consistenza friabile. 

forno
Foto:Adobe Stock

Ed ora non resta che provare una delle nostre deliziose ricette: Crostata rustica integrale con crema di caco e pera, Crostata come la faceva la nonna, con marmellata di fichi e mandorleCrostata morbida per bambini da 2 anni in su.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post