COME SCEGLIERE BENE LA CARNE al supermercato

carne
(Canva photo)

Nella vita frenetica di ogni giorno ci ritroviamo al supermercato a dover scegliere frettolosamente gli alimenti che andremo a comprare. Oggi vi forniremo alcuni trucchi utili per scegliere la carne nel modo più adeguato possibile.

Purtroppo dedichiamo spesso alla spesa solo pochi minuti, passando di corsa nel reparto della carne al supermercato. Non sappiamo però che un alimento come la carne va scelto in maniera adeguata, seguendo giusti parametri.

LEGGI ANCHE -> COME FARE UNA CRESPELLA PERFETTA: ecco gli step e i segreti

COME SCEGLIERE BENE LA CARNE, anche quando vai di fretta

Oggi vedremo tutti gli elementi da valutare e che riguardano appunto l’acquisto della carne. Consigli questi che dovrebbero essere messi in pratica per comprare e portare a casa, e alla fine consumare, un prodotto non solo buono, di qualità ma anche sicuro.

COME SCEGLIERE BENE LA CARNE
(Canva photo)
  • Vediamo ora l’etichetta, altro dettaglio molto importante che ci dice di più sulla carne che stiamo acquistando. L’etichetta infatti è lo strumento più importante per conoscere soprattutto la provenienza della carne e l’indicazione riguardo la tipologia, il taglio, il paese di nascita, il paese di allevamento, il paese di macellazione e il codice di riconoscimento dello stabilimento di macellazione. Abbiamo inoltre a disposizione il paese di sezionamento e il codice di riconoscimento dello stabilimento di sezionamento, il prezzo al chilo, la data di preparazione della confezione la scadenza e così via, tutte le informazioni necessarie che ci dirottano verso la scelta giusta della carne.

LEGGI ANCHE -> FRITTURA NON UNTA: 3 regole fondamentali

  • C’è poi da tener conto del processo chimico della frollatura che avviene in maniera molto naturale nei muscoli dell’animale abbattuto, la durata della frollatura della carne può avvenire dalle poche ore ad alcune settimane, a seconda della tipologia di carne. La carne non fa altro che andare incontro ad un processo naturale di irrigidimento, e questo rende la carne immangiabile. Ed è proprio per questo motivo che una volta che l’animale è stato macellata, la carne viene lasciata riposare ad una temperatura ben precisa, questo fa sì che gli enzimi presenti sulla carne si attivino per degradare i tessuti ricchi di collagene, rendendoli così molto più teneri. Quindi, per intenderci, la carne una volta macellata deve essere lasciata riposare prima di procedere al taglio, la frollatura è molto importante perché rende appunto la carne e morbida e prelibata.
  • Dobbiamo inoltre fa riferimento alle certificazioni di provenienza per evitare di andare ad acquistare una carne di scarsa qualità. Bio, Dop e Igp, queste sono le certificazioni che ci tengono al sicuro riguardo alla buona pratica di allevamento e alla selezione degli animali che sono stati appunto macellati, ci assicurano un’assenza di antibiotici e mangimi OGM nella carne che acquistiamo.

LEGGI ANCHE -> COME CONSERVARE I FINOCCHI così da averli sempre disponibili

Il paese di origine è infine molto importante perché non tutti gli animali ovviamente vengono macellati in Italia e provengono da allevamenti italiani. Diversi provengono infatti da Francia, Germania, Polonia, per questo motivo è importante leggere con molta attenzione tutte le informazioni riportate sulle etichette e quindi preferire la carne 100% italiana.