Le “regole d’oro” per conservare correttamente i salumi e non ritrovarsi con spiacevoli sorprese

Ecco le “regole d’oro” per conservare correttamente i salumi, solo così si manterranno a lungo e saranno sempre freschi.

I salumi sono sempre presenti nel nostro frigo e disponibili per poter preparare un toast piuttosto che per accompagnare dei formaggi e rendere speciale un antipasto o la cena. Inoltre i salumi potremmo definirli salva cena, pratici e veloci da portare in tavola.

conservare salumi
(Canva photo)

Possono essere artigianali o industriali, mettono sempre il buon umore in tavola. Oggi però vogliamo darti qualche piccolo consiglio su come conservarli correttamente così e preservare le caratteristiche organolettiche.

Conservare correttamente i salumi: ecco come fare

C’è sempre da imparare, per questo oggi vogliamo darti qualche piccolo consiglio su come conservare correttamente i salumi, solo così non avrai spiacevoli sorprese. Potrebbe accadere che quando si apre il frigo e si nota della muffa sui salumi o hanno un odore sgradevole.

conservare salumi
(Canva photo)

Sei pronta a scoprire i trucchi? Torna sempre utile conoscerli, così potrai preparare senza alcuna difficoltà toast con formaggio e percepire tutta la freschezza. Visto che si tratta alimenti facilmente deperibili, la conservazione corretta è importante.

Nel banco frigo si possono trovare tantissimi salumi dal prosciutto crudo a cotto, piuttosto che pancetta, bresaola. La sicurezza alimentare è importante in particolar modo se non si acquistano i salumi sotto vuoto o in confezioni con atmosfera modificata.

I salumi temono umidità e microrganismi, molto dipende se sono freschi o affumicati. Più il salume è umido più si deperisce facilmente, quindi va consumato in poco tempo!

Inoltre se il salume è affettato non si può conservare in frigo per molto tempo, differenza di quello stagionato, la temperatura dovrebbe essere di circa 16° senza superare i 20°.Il salume inoltre se si conserva in condizioni troppo umide tende a muffirsi. Infatti il salume intero va conservato in cantina o in una zona più fresca della casa, basterà appenderli. Dopo l’utilizzo la parte del salume tagliato deve essere avvolto con un foglio di carta leggermente oleata, o con un panno di lino imbevuto con olio extravergine di oliva e conserva appeso a testa in giù. Solo così si eviterà l’ossidazione del salume.

Invece se si compra il salume in confezione sotto vuoto al supermercato basterà metterlo in frigo e consumarlo entro la data consigliata sulla confezione. La temperatura ottimale di conservazione oscilla dai 2-4 gradi, nella parte più bassa del frigo.

Una piccola astuzia sta nell’acquistare solo quello che occorre senza accedere, così eviterete sprechi! I salumi affettati li potrai conservare in frigo stesso nella confezione o in contenitori a chiusura ermetica.

conservare salumi
(Canva photo)

Invece se hai a disposizione la macchina per creare il sottovuoto potete procedere in questo modo e li potrete conservare in tutta sicurezza. Solo conservando correttamente i salumi potrai preservare le qualità organolettiche del salume prevenendo così l’ossidazione visto che rimuovere tutta l’aria.

Ricorda di non eccedere con le quantità, compra solo quello necessario, così eviterai sprechi. Inoltre prima di consumare il salume accertati che abbia un buon profumo e che abbia un colore uniforme, ma se ci sono zone più scure o con muffa, significa che si sta perdendo freschezza e non si consiglia di consumare.