COME RENDERE IL PESCE LESSO BUONISSIMO: i trucchi imperdibili

Quante volte abbiamo provato a cucinare il pesce in maniera semplice, bollito e il risultato è stato davvero insipido e privo di gusto? Da oggi non sarà più così.

Vi forniremo infatti dei trucchi ma soprattutto delle regole per lessare il pesce in maniera corretta ed inoltre renderlo saporito.

LEGGI ANCHE -> IL PIATTO RESTA FREDDO NEL MICROONDE? Il trucco per evitarlo

PESCE LESSO SAPORITO? Scopri come fare

Il pesce è un alimento così benefico che dovrebbe entrare a far parte, in maniera regolare, dell’alimentazione di ognuno di noi. Andrebbe consumato almeno quattro volte alla settimana, spesso lo compriamo ma, stanche dopo una giornata ricca di impegni e di lavoro, siamo a corto di idee e finiamo per lessarlo.

PESCE LESSO con verdure
(Canva photo)

Il risultato? Privo di sapore, non bellissimo da vedere e nemmeno troppo invitante. Da oggi però, grazie a ciò che leggerete tra poco, sarete in grado di portare a tavola in pochissimo tempo un pesce lesso sì, ma ricco di gusto, scopriamo insieme come! 

Capiremo come lessare e poi impreziosire maniera saporita tanti tipi di pesce quali: branzino, spigola, cefalo, gallinella, nasello, orata, pesce spada, salmone, sgombro, sogliola e molti altri.

Dovreste innanzitutto munirvi di una pesciera che è una pentola molto lunga, con a disposizione due fondi uno dei quali rimovibile e bucherellato, così potrete immergere il pesce nell’acqua e scolarlo senza il rischio di ridurlo in tanti pezzi.

L’acqua di cottura del pesce gioca un ruolo molto importante: dovete sempre insaporirla con della cipolla, sedano, dei gambi di prezzemolo, dell’alloro, delle carote, delle fette di limone e se volete vino bianco o rosso secchi, aceto e sale.

Nel momento in cui andiamo ad immergere il pesce nell’acqua l’acqua, questa deve essere fredda, se il pesce è di piccole dimensioni cuoce in pochi minuti e gli odori non riescono molto ad insaporire l’acqua e il pesce, conviene allora far bollire per una mezz’oretta circa l’acqua con gli aromi poi lasciarla raffreddare e solo dopo aggiungere il pesce.

LEGGI ANCHE -> POMODORI SECCHI SOTT’OLIO tutti i segreti per non sbagliare in cucina

Una volta che l’acqua avrà raggiunto l’ebollizione, la fiamma va abbassata cosicché la pelle del pesce non si rompa inoltre e va considerata anche la qualità e il peso del pesce: ci vorranno almeno 20 minuti per bollire 1 kg di pesce, 25 minuti per bollirne 2 kg, mezz’ora circa per 3 kg.

Il pesce con il suo brodo, quindi l’acqua di cottura che è stata prima insaporita, prima di servirlo va lasciato sempre raffreddare nel brodo stesso. Potete servire il pesce bollito con delle patate lesse molto calde o delle salse varie inoltre potete decorarlo, se avete degli ospiti e volete proporre questo tipo di piatto con delle uova sode tagliate a spicchi o a fettine, della maionese aromatizzata con prezzemolo e capperi ma anche delle fettine di limone e dei piccoli, nidi di verdure condite con olio e limone come lattuga e cetriolini.