CONSERVARE AGRUMI AVANZATI: solo così eviterete sprechi

Agrumi
(Pixabay photo)

Si possono evitare sprechi in cucina evitando di buttare il cibo avanzato. Scopri come conservare gli agrumi avanzati correttamente.

Gli agrumi sono spesso protagonisti in cucina per la buona riuscita di alcune ricette. Lasciano un sapore e un odore davvero unico e particolare. Il limone è forse tra quelli più utilizzati seguito subito dall’arancia, a differenza del pompelmo, mandarino, lime e bergamotto.

E’ capitato a tutte noi di utilizzare solo una parte dell’agrume tipo metà limone, perchè occorreva solo il succo o parte della scorza. Ma come si può conservare l’agrume dopo l’utilizzo parziale?

Si sa che in cucina e non solo vanno evitati sprechi, se avanzano degli agrumi è importante conoscere il trucco per conservarli bene e a lungo senza ritrovarseli ammuffiti o molli in frigo. Anzi ci sono casi in cui vi occorre una sola fettina di limone, magari per servire il tè e vi ritrovate con un limone intero avanzato e non sapete cosa fare. Ma si sa che se lo conservate nel modo sbagliato dovrete buttarlo a distanza di giorni.

Noi di Mammeincucina vi lasciamo qualche piccolo trucco per conservare al meglio gli agrumi avanzati.

Come conservare gli agrumi avanzati seguendo qualche piccola astuzia

Non solo l’agrume in se va conservato correttamente, ma nessuno ve lo ha detto prima che anche il succo e la scorza dell’agrume si può conservare per un tempo molto lungo.

buccia polvere arancia
(Pixabay photo)

Tanto se pensate che il succo può tornare utile per condire pietanze o insaporire dolci, mentre la scorza per decorare dessert e piatti salati, quindi gli sprechi vanno evitati in questo modo.

Innanzitutto a prescindere da cosa vi occorre dell’agrume, ecco come procedere. Lavate per bene il frutto, se notate sporco sulla buccia potete pulire con uno spazzolino o una spugna morbida adibita solo alla pulizia della frutta.

Poi se vi avanza parte dell’agrume potete tagliarlo a fette e mettete in una busta per alimenti e congelate. In questo modo quando dovrete preparare una bevanda analcolica o un cocktail lo utilizzate per decorare.

Se invece avete utilizzato solo il succo dall’agrume, potete ricavare la scorza che andrete  a togliere con un pelapatate, solo una piccola attenzione, non rimuovete la parte bianca che lascia un gusto amarognolo. Se seguite qualche piccolo trucchetto tutto sarà facile.

Le scorze le potete congelare e utilizzarle per la preparazione di una tisana oppure le potete essiccare nel forno ecco come. Preriscaldate il forno a 100°, poi distribuite la buccia del limone o arancia su una leccarda ricoperta con un foglio di carta da forno. Lasciate cuocere per un oretta o fino a quando non si sarà essiccata, la potenza del forno potrebbe cambiare. Trascorso il tempo estraete dal forno e lasciate raffreddare bene e poi le potete conservare a lungo all’interno di un barattolo di vetro con coperchio in dispensa purchè sia un luogo fresco e asciutto.

Se invece in cucina utilizzate più la polvere che la scorza dell’agrume allora frullate dopo l’essicazione all’interno del mixer e così la polvere che otterrete la conserverete nei vasetti chiusi ermeticamente chiusi dopo averli sterilizzati.

Viceversa se avete utilizzato solo la scorza e non il succo potete conservarlo tranquillamente ecco come. Dopo aver ricavato il succo con la spremiagrumi, lo filtrate e poi conservate in piccolo vasetti o nel contenitore per il ghiaccio. In questo modo scongelerete la porzione necessaria alla preparazione. Magari dovete condire un pò di insalata o una scaloppina.

Adesso si che potete evitare sprechi, con le bucce degli agrumi potete anche preparare un profumatore per ambienti.