Butti le scorze degli agrumi? Ecco perchè devi smettere subito

Dicembre 7, 2020Virgilia Panariello
Riutilizzare buccia agrumi

In cucina non si butta via nulla, in particolar modo le bucce di arance e limoni. Scopriamo come riutilizzare al meglio le scorze degli agrumi, così da limitare gli sprechi.

Con la stagione autunnale e invernale gli agrumi sono i protagonisti a tavola, arance, mandarini, frutti conosciuti e apprezzati per le sue loro proprietà. Infatti si sa che sono frutti ricchi in vitamina C, fondamentale per il nostro organismo, soprattutto per rinforzare il sistema immunitario, quindi ci aiutano a curare i malanni di stagione.

Quando si consumano e tavola gli agrumi o si decide di preparare un dolce o una pietanza che prevede le arance come ingrediente, va rimossa la buccia, che va messa nella pattumiera dell’umido. Ma la buccia si può riutilizzare così da evitare sprechi, si sa che in cucina non si butta via niente, scopriamo come riutilizzare le scorze degli agrumi.

Come riutilizzare scorze degli agrumi

Le bucce degli agrumi si possono riutilizzare in cucina in modo diverso non solo in cucina per preparare un dolce, ma anche come profumatori per ambienti. Si sa che le bucce emanano un odore unico, ma hanno anche proprietà sgrassanti e antisettiche.

Riutilizzare buccia agrumi
Foto:Adobe Stock

Allora non ci resta che scoprire perchè non vanno buttate le scorze degli agrumi.

1-Profumatore per gli ambienti: raccogliete le bucce e lasciatele essiccare per bene o all’aria aperta, nel forno o sui termosifoni. Poi li mettete in un cestino e unite spezie come cannella, oppure il sandalo e create un pot-pourri. Collocate in angoli strategici, così da percepire un odore gradevole ogni volta che rientrate in casa. In alternativa potete mettere le bucce degli agrumi negli umidificatori del termosifone, in questo modo si libererà un bellissimo profumo e si creerà un’atmosfera calda e rilassante.

2-Realizzare candele: occorre la buccia intera di metà agrume. Dopo aver lavato e asciugato la buccia, tagliate tutta la parte superiore dell’arancia, togliete la polpa e versate la cera che si utilizza per preparare le candele. Mettete uno spinto da accendere, così da poterla utilizzare ogni qual volta che desiderate.

3- Decorazioni natalizie: potete preparare prima dell’arrivo delle festività natalizie. Tagliate a fettine sottili l’agrume e lasciate essiccare all’aria o nel forno, potete a questo punto utilizzare per decorare l’albero o realizzare un centro tavolo.

4- Combatte l’alitosi: in caso di alito pesante provate a masticare la scorza deli limone o arancia, eliminerete naturalmente il problema.

5-Purificare e schiarisce la pelle del viso: dopo pulito bene la pelle del viso, con piccoli e semplici gesti, potete pulire in profondità al pelle del viso. Con la buccia del limone e arancia lavata, massaggiate sul viso tamponando un pò, vi consigliamo di insistere solo dove c’è maggiore impurità. Inoltre la buccia di arancia che è ricca in vitamina C aiuta a schiarisce la pelle. Basta mettere in una ciotola la buccia d’arancia grattugiata e unite un pò di yogurt bianco. Mescolate bene e applicate sul viso e fate dei massaggi circolari. Lasciate in posa per 5 minuti e poi risciacquate bene.

6-Detersivi fai da te: le bucce si prestano benissimo alla preparazione di detersivi così potete utilizzare detergenti ecologici. Mettete in una pentola l’aceto e portate ad ebollizione e poi versarlo in un barattolo con la buccia del limone. Chiudete con il tappo bene e  lasciate riposare per 3 settimane, poi filtrate e trasferite in una bottiglia con spray unite una azza di aceto,  di acqua e un cucchiaio di sapone neutro. Adesso si che potete utilizzarlo per le pulizie.

7-Sbianca i denti: lavate bene la buccia e strofinate la parte interna sui denti.

8-Protegge la flora intestinale: la buccia contiene la pectina, una fibra insolubile molto utile in caso di stitichezza. Infatti la buccia dell’arancia potrebbe essere un alleata in caso i irregolarità intestinale. Magari potete preparare un frullato con la buccia di arancia, in quanto apporta batteri buoni, che mantengono stabile la flora intestinale. Ma parlatene sempre con il vostro medico che saprà consigliarvi al meglio.

Utilizzi in cucina

In cucina si sa che non si butta nulla, si possono utilizzare in diverso modo la scorza degli agrumi, non solo per preparare ricette dolci, ma anche per piatti salati. Davvero non bisogna trascurare nulla, avete mai pensato di decorare una macedonia di frutta o una coppa di gelato con la scorza di limone?

Riutilizzare buccia agrumi
Foto:Pixabay

Ecco come utilizzare le scorze degli agrumi in cucina.

1- Smoothie con buccia d’arancia:  un frullato che potete gustare in ogni momento della giornata, magari aggiungete la carota e banana.  Basta mettere in un frullatore, la banana tagliata a dadini,  la buccia dell’arancia e una carota grande tagliata a tocchetti. Unite anche il succo di 6 arance e 250 g di yogurt e frullate bene. Servite e gustate. Provate anche lo smoothie di carote per bambini di un anno.

2- Canditi: indispensabili se dovete preparare dei dolci o dovete decorare dessert, drink o macedonie. Tagliate la scorza in fettine sottili e lasciatela idratare in una terrina con acqua per 5-6 ore. Poi  mettetele in una casseruola, unite un pò di zucchero e acqua nella stessa quantità delle nostre bucce, fate cuocere per 15 minuti dopo l’ebollizione. Scolate e lasciate asciugare bene su un canovaccio di cotone e poi potete utilizzarle. Un’idea gustosa? Immergete la scorzetta nel cioccolato fondente fuso, una vera delizia.

Riutilizzare buccia agrumi
Foto:Pixabay

3-Infuso: in inverno lo potete gustare caldo in estate freddo. Si prepara facilmente fate bollire una tazza d’acqua fredda, unite la buccia del limone o dell’arancia. Lasciate in infusione per 15 minuti, poi dolcificate se gradite con lo zucchero di canna o del miele.

Adesso non vi resta che conservare le bucce degli agrumi, così da evitare sprechi in cucina ed riutilizzare al meglio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post