Germi 🦠 e puzza nauseabonda sui taglieri: certo, li lavi sempre nel modo sbagliato 🤦‍♀️ fai attenzione!

Attenzione a come lavi i taglieri, possono prolificare milioni di germi! Ecco la guida definitiva per detergerli al meglio, saranno perfetti

Carne, verdure e poi ancora cipolle, pesci, persino alcune tipologie di piante: tutto questo generalmente viene manipolato sui taglieri, superfici in legno o in plastica immancabili in tutte le nostre cucine. Non solo per garantire agli utensili come coltelli e coltellini un taglio migliore, ma anche per proteggere a dovere i vari piani del top cucina, che solitamente sono composti da materiale abbastanza delicato.

germi taglieri
Mammeincucina photo

Fino a una ventina di anni fa i taglieri venivano prodotti in legno poiché materiale molto resistente nel tempo e in grado di sopportare adeguatamente umidità, caldo oppure freddo.  Eppure i rischi nel ‘lavorare’ su questa tipologia di superfici purtroppo sono tanti e in particolare vedono la prolificazione di germi e batteri. Perché?

Il motivo è semplice: vengono lavati nel modo sbagliato! Non basta assolutamente porli sotto un getto d’acqua fredda strofinando il detersivo(anzi, questo è proprio un errore che rovina il tagliere), ma bisogna focalizzarsi ogni qualvolta si utilizzino sulla loro disinfezione. Ecco perché noi di Mammeincucina vogliamo svelarvi la guida definitiva al lavaggio dei taglieri, di qualsiasi tipo!

Contro i germi e la puzza sui taglieri bisogna fare così: è il metodo più sicuro al mondo!

I taglieri, se non lavati e disinfettati a dovere possono non solo garantire prolificazione di germi e batteri, ma anche emanare una puzza nauseabonda. Bisogna considerare che alimenti come cipolla, aglio, carne e pesce rilasciano costantemente microrganismi che, a contatto con le superfici tendono ad essere assorbiti, specialmente se utilizziamo i taglieri in legno.

germi e puzza sui taglieri
Canva photo

Ecco perché oggi vogliamo svelarvi il metodo più corretto e sicuro per lavarli ed evitare che diventino untori di batteri e germi, oltre che portatori di puzza incredibile. Come bisogna agire?

Iniziamo innanzitutto procurandoci del bicarbonato e del sale: mescoliamo in una ciotolina circa 3 cucchiai per ognuno, amalgamiamo il tutto per poi distribuire la soluzione solida su tutta la superficie, compresi gli angoli. Aiutandoci con uno spruzzino procediamo a nebulizzare una miscela di acqua, aceto e succo di limone affinché la soluzione solida possa inumidirsi a dovere. Dovremo quindi attendere all’incirca 2 ore fin quando il tutto si seccherà e solidificherà.

A questo punto bisogna procedere spazzolando la miscela di bicarbonato e sale con uno spazzolino adibito alla pulizia dei taglieri oppure ad una spazzolina dalle setole morbide. Quando elimineremo del tutto lo strato basterà sciacquarlo rapidamente sotto un getto di acqua fredda per poi rivestirlo di carta assorbente. Poniamolo al Sole diretto(i raggi aiutano ad uccidere germi e batteri) e facciamo completamente asciugare. Voilà: taglieri disinfettati, puliti e deodorati, non dovremo più preoccuparci!

Gestione cookie