Frittelle salate non si gonfiano? Evita questi semplici errori!

Avete preparato le frittelle salate ma non si sono gonfiate? Scopri i possibili errori che dovresti evitare, così non sbaglierai più!

Nessuno sa rinunciare al fritto, soprattutto quando si decide di preparare un antipasto a casa, basta pensare ai crocchè, frittelle di zucchine, olive ascolana, scamorza fritta e non possono mancare le classiche frittelle salate, sono sempre gradite!

La preparazione è molto veloce ed occorrono semplicissimi ingredienti, ma purtroppo l’errore è sempre dietro l’angolo, basta davvero poco per rovinare tutto e rischiare che l’impasto non lieviti correttamente. La conseguenza a tutto ciò è frittelle che non si gonfiano e sono poco invitanti e gustose.

Non vi resta che scoprire gli eventuali errori da evitare e servirete delle frittelle salate perfette!

LEGGI ANCHE –> Polpettone mai più asciutto: scopri l’errore che non devi commettere

Frittelle salate: attenzione a questi errori

Non è difficile preparare le frittelle salate a casa, ma il segreto per poterle servire alla perfezione che si gonfino correttamente è evitare alcuni semplicissimi errori, scoprili subito!

Potrebbe accadere che le frittelle salate risultino schiacciati e poco gonfie e di conseguenza saranno poco appetibili e quindi non saranno per nulla invitanti.

frittelle salate errori
(Canva photo)

Ecco gli errori comuni a che andrebbero evitati.

1-Non setacciare la farina. Se omettete questo step rischierete la formazione dei grumi durante la preparazione dell’impasto. Quindi nella ciotola mettete la farina setacciata e unite l’olio, il sale, l’acqua e lievito, poi dipende dalla lista degli ingredienti della ricetta.

2-Lavorare poco l’impasto. Il segreto per servire delle frittelle salate gonfie e appetibili è lavorare velocemente l’impasto con una frusta a mano e formare un panetto liscio e senza grumi. Se lavorate poco l’impasto scivolerà facilmente dal cucchiaio e non va per nulla bene!

3- Non fare riposare l’impasto. E’ necessario lasciar riposare, basterà coprire la ciotola con la pellicola per alimenti e lasciate riposare per almeno un’ora, lontano da correnti, in un posto al caldo. Ricordate che se la pastella non sarà omogenea e perfetta, ma con grumi non lieviterà bene.

4- Temperatura bassa dell’olio. E’ importante far cuocere le frittelle nell’olio bollente. Non tutti gli oli sono adatti alla frittura, vi consigliamo l’olio di semi di arachide o di girasole alto oleico. L’olio deve essere abbondante e caldo alla temperatura giusta altrimenti le frittelle non si gonfieranno. La temperatura non dovrebbe superare i 170°-180 , per capire quando l’olio è pronto ecco il trucco da seguire se non avete il termometro da cucina.

5- Mettere troppe frittelle nell’olio. Aggiungete a cucchiaiate la pastella, un pò alla volta altrimenti fate raffreddare l’olio. Girate in cottura e le togliete con una schiumarola e adagiatele su un piatto con carta assorbente per eliminare l’olio in eccesso. Se mettete troppe frittelle non otterrete un buon risultato.

LEGGI ANCHE –> Frittelle di zucchine filanti con scamorza: versione facile in padella o in forno

Solo evitando questi errori le frittelle salate saranno perfette!