COTOLETTA non fritta con l’IMPANATURA che NON SI STACCA: non fare questo errore!

Canva photo

La cotoletta cotta in padella e non fritta è ottima se riusciamo a farla con l’impanatura che non si stacca: ecco l’errore da non commettere.

La cotoletta impanata senza frittura è un secondo piatto gustoso e rappresenta un’alternativa molto più sana e light rispetto alla classica fettina panata e fritta nell’olio ad immersione.

Se ci piace una cucina meno ricca di grassi possiamo optare quindi o per la cottura in padella, altrimenti è perfetta anche quella al forno. Spesso però accade che quando si decida di preparare della carne impanata e poi cotta in padella ma senza friggerla la panatura si stacchi.

In questo modo il nostro piatto diventa imperfetto. Scopriamo allora qual è l’errore da non commettere per non far staccare la panatura dalla cotoletta, che sia essa di vitello, pollo o maiale.

Ecco l’errore da non commettere per non far staccare l’impanatura dalla cotoletta

cotoletta
Canva photo

La carne con un sottile strato di pangrattato cotta in padella e non fritta è un classico secondo piatto molto gradito anche dai bambini. Si tratta infatti di un modo sfizioso di proporre la cotoletta senza però doverla necessariamente friggere rendendola più pesante.

La cottura in padella ma senza frittura comporta infatti un piatto più leggero ma al tempo stesso saporito. Possiamo optare per delle fettine di vitello, ma anche di pollo o una lonza di maiale, a seconda dei propri gusti personali.

Quando però andiamo a impanare la cotoletta con il pangrattato e poi a cuocerla capita che la panatura si stacchi, rendendo di fatto la nostra carne un classica fettina cotta in padella ma senza la crosticina croccante intorno. Come ovviare a questo inconveniente?

Probabilmente se vi è capitato di imbattervi in una situazione del genere è perché non avete asciugato bene la vostra carne prima di impanarla o perché durante la cottura vi è venuta la brillante idea di irrorarla con del succo di limone o altro liquido. 

Il problema di fondo che determina il distaccamento della panatura e che non permette il formarsi della croccante crosticina è di fatto l’umidità. Se utilizziamo la carne umida come può accadere se ad esempio l’abbiamo sottoposta allo scongelamento senza prima averla ben asciugata, quando andremo a passarla nel pangrattato questo non si attaccherà bene e in maniera uniforme alla carne.

C’è anche chi ad esempio lava i petti di pollo prima di usarli, un’abitudine che oltre che pericolosa non permette alla panatura di fissarsi bene sopra di essi. Il segreto quindi è quello di asciugare la carne, qualunque essa sia e non usare carne ancora mezza congelata perché in tal caso tenderà a rilasciare acqua. 

Tra gli errori molto frequenti che possono capitare c’è anche quello di irrorare la carne mentre cuoce in padella con del succo di limone. Pensando di renderla più saporita e gustosa andiamo a rovinare tutta la croccante crosticina che nel frattempo già si era formata rendendo la panatura molliccia e pronta a staccarsi in men che non si dica.

LEGGI ANCHE –> La cotoletta e unta e poco croccante? Ecco gli errori che hai commesso

Se proprio vi piace il limone utilizzatelo ma spremetelo solo a fine cottura quando la carne è già servita sul piatto.