Quando bevi l’acqua di solito durante il giorno? Forse stai sbagliando, ecco perché

bere acqua
donna con bicchiere d'acqua - Fonte: Adobe Stock

Mantenersi idratati è davvero importante. Scopri in quali momenti della giornata è preferibile farlo.

Chi si interessa almeno un po’ di benessere sa bene come bere acqua sia uno degli step fondamentali, non solo per sopravvivere ma anche per vivere bene.

Introdurre ogni giorno i giusti quantitativi d’acqua consente infatti di far funzionare al meglio l’organismo, mantenere la pelle più elastica e sentirsi mentalmente più lucidi. Tutti aspetti importanti che per essere mantenuti necessitano di una costante idratazione.

Nonostante queste interessanti premesse, sono tante le persone che ogni giorno dimenticano di bere o che fanno fatica a farlo in modo costante. Eppure basterebbe sforzarsi di ricordarsi almeno i momenti migliori in cui bere per ottenere tutti i benefici che si devono all’acqua. Scopriamo quindi quali sono i momenti migliori della giornata per bere.

Quando bere l’acqua? Ecco i momenti migliori

bere acqua
ragazza felice con bicchiere d’acqua – Fonte: Adobe Stock

Ora che abbiamo ribadito quanto sia importante bere l’acqua durante il giorno, cerchiamo di cogliere i momenti migliori per farlo.

Al mattino, appena svegli. Ormai è più che risaputo che una volta svegli la prima abitudine sana da creare e mantenere nel tempo è quella di bere un bicchiere d’acqua. Ciò consente all’organismo di reidratarsi dopo le ore notturne, risvegliando il metabolismo e mettendosi in modo in modo agevole. Inoltre, bere acqua appena svegli aiuta anche a depurarsi.

Prima dei pasti. Un’altra abitudine decisamente positiva è quella di bere prima dei pasti. In questo modo si inizia a stimolare la digestione e si arriva meno affamati a tavola. Un buon modo per mantenere la linea e non correre il rischio di mangiare per dissetarsi oltre che per saziarsi. Anche se spesso si tende ad ignorare questo aspetto, infatti, quando si ha sete si tende a mangiare di più e a prediligere alimenti dolci in quanto solitamente più ricchi di liquidi.

Quando ci si allena. L’acqua diventa un elemento indispensabile prima, durante e dopo l’allenamento. Ovviamente andrà bevuta in piccole quantità ma è più che mai importante per idratare l’organismo evitandone l’affaticamento.

Prima di andare a dormire. Un bicchiere d’acqua prima di andare a dormire aiuta a non passare la notte disidratati. Se si hanno problemi di risvegli notturni ci si può limitare a mezzo bicchiere.

Quando ci si sente stanchi o poco lucidi. Pochi lo sanno ma spesso una mancanza di lucidità, il classico senso di appannamento o la stanchezza improvvisa sono dovuti ad una scarsa idratazione. Quando ci si sente così è quindi importante fermarsi un attimo e bere dell’acqua. In questo modo ci si sentirà subito meglio e pronti a ripartire più carichi che mai.

Come bere se non si sente l’impulso di farlo

bicchiere d'acqua
bicchiere d’acqua – Fonte: Pixabay

Come già accennato ci sono diverse persone che pur conoscendo l’importanza di una buona idratazione non riescono a bere quanto vorrebbero. La buona notizia è ci si può educare a farlo iniziando anche da subito. Alcuni esempi?

  • Avere una bottiglia (o borraccia) personale dalla quale bere
  • Stabilire di bere sempre appena svegli, prima dei pasti (spuntini compresi) e prima di andare a dormire
  • Usare una delle tante app per smartphone che ricordano di bere ogni tot

Ovviamente, bere non deve trasformarsi in incubo. Ognuno di noi, inoltre, necessita di quantitativi diversi di acqua da introdurre durante il giorno. Mentre si scopre quali sono quelli personali si può iniziare partendo da una soglia standard che di solito si aggira intorno ad 1,5 l di acqua. Quantitativo al quale andrebbe ovviamente aggiunta quella legata agli allenamenti.