Ti è avanzato del cibo? Quattro soluzioni intelligenti per utilizzarlo!

Novembre 23, 2020Denis Carito
Cibo avanzato? Ecco le soluzioni per utilizzarlo!

Perché buttare cibo avanzato? Possiamo cimentarci in tantissime ricette, evitare lo spreco e gustare piatti favolosi. Hai degli alimenti avanzanti in frigo? Niente paura! Ecco diverse soluzioni per te!

Possiamo rimediare cominciando dalla spesa e dalla conservazione degli alimenti. Ricette con i cibi avanzati, prepariamo delle ricette facilissime e gustose! 

Evita lo spreco alimentare, fai così!

Gli alimenti che vengono buttati di più sono la frutta la verdura, il pane, le cipolle, l’aglio, il latte, lo yogurt, i formaggi, tutte le salse e i vari sughi.

Pappa al pomodoro con pane raffermo
(Adobestock photo)

Iniziamo col dire che siamo sfortunatamente soliti acquistare quantità eccessive di cibo, così facendo non riusciremo inevitabilmente a far fronte alla loro conservazione e ci ritroveremo costrette a buttarli. Potremmo davvero attuare dei cambiamenti che porterebbero a delle consuetudini quotidiane più corrette e non dannose per il nostro pianeta. Esistono infatti molti suggerimenti per partecipare in maniera considerevole alla riduzione dello spreco alimentare a partire dalle nostre cucine, ad esempio conservando al meglio e preparando piatti prelibati e veloci! 

Così, non faremo che aumentare l’impatto positivo e non solo per quanto riguarda il nostro portafoglio, ma sull’ambiente in generale. Vediamo come potremmo iniziare ad organizzarci

  • Il primo passo da fare è appunto la spesa: di solito la società è abituata ad accumulare anche quando non c’è bisogno di alcuni prodotti. La spesa va pianificata preventivamente pensando a tutte le esigenze di noi stessi e della famiglia ma sempre a breve termine. 
  • Quindi ci servirà una lista che preveda tutto il necessario per il menù settimanale. Questa lista non dovrà includere degli alimenti già presenti in casa e quindi superflui, solo quelli a corte scadenza e di uso quotidiano come ad esempio il latte.
  • Alla base dovremmo optare per acquisti consapevoli, acquistare quanto basta, quindi articoli indispensabili, alimenti di stagione e magari anche provenienti da produttori locali.

Frigorifero, freezer? Sopralluogo attivato!

La conservazione in frigorifero gioca un ruolo fondamentale in quanto lo spreco dipende molto da come si ripongono i cibi e nel frigorifero, non tutte le solite posizioni nelle quali siamo solite metterli vanno bene. 

Per frutta e verdura è bene tenerla a temperatura ambiente poiché il freddo potrebbe danneggiarle e poi, più in generale, le verdure riposte in frigorifero vanno messe all’interno di sacchetti di carta, hanno bisogno di respirare e quindi non vanno mai lasciate nelle buste di plastica.

Non bisogna inoltre lavare la frutta e la verdura prima di metterle in frigo per evitare l’umidità che favorisca la crescita dei batteri. Che aspetti? Organizza il frigorifero, per ogni alimento la giusta collocazione.

Prima di andare a fare la spesa bisogna perlustrare le nostre credenze e controllare tutti i cibi che sono a ridosso di scadenza, quindi stabilire un ordine per l’acquisto dei prodotti alimentari. Ovviamente i cibi con scadenza più breve andranno sempre riposti a vista così, all’apertura dello scaffale, ce li ritroveremo di fronte senza rischiare di dimenticarli quando la loro scadenza sarà vicina e li consumeremo per tempo.

Il freezer potrebbe essere un buon alleato per salvare i cibi dalla spazzatura. Ebbene sì, il congelatore è un ottimo aiuto per salvare i cibi che in caso contrario rischierebbero di essere buttati, ad esempio, si possono congelare le verdure in eccesso dopo averle lavate e asciugate e tagliate.

Inoltre riusciremo a mantenerle fresche e pronte per l’uso poiché questo passaggio non altera i valori nutrizionali. Quando congeliamo le verdure cotte dobbiamo fare attenzione e lasciarle stiepidire prima. L’unica cosa da evitare è il congelamento di verdura e frutta molto ricca di acqua perché nel processo di surgelazione potrebbero danneggiarsi, niente congelamento per le verdure a foglia verde, cipolle, cetrioli, anguria, ananas, melone.

Per il resto si può surgelare davvero di tutto come il pane fresco, l’erba reumatiche, la carne, il pesce e i cibi cotti. Sarà bene riporli già proporzionati ed in più lasciare sulle confezioni delle etichette specifiche per indicare il tipo di prodotto e la data di surgelazione.

4 ricette che si possono creare con il cibo avanzato

Le idee sono davvero moltissime, noi ve ne elencheremo qualcuna per dimostrare quanto sia possibile, con un pochino di fantasia, creare delle pietanze davvero appetitose con degli alimenti che spesso avanzano, così da ridurre lo spreco e gustare dei piatti unici nel loro genere, dalle crocchette di riso alla torta di pane raffermo.

Crocchette di riso

Ingredienti (per 13 crocchette): potete tranquillamente utilizzare anche il riso classico bianco, i cereali come farro, orzo e avena. 350 g di riso lessato avanzato, due uova, 20 g di parmigiano grattugiato, 50 g di farina di riso, 10 g di olio extravergine di oliva, basilico fresco, un pizzico di pepe nero, aglio, sale quanto basta, sesamo per guarnire.

Preparazione: vi basterà amalgamare gli ingredienti in una ciotola formare delle piccole crocchette, rotolarle nel sesamo e infornare per 25 minuti a 180°.

Proprietà del riso: Il riso è una fonte di carboidrati complessi con un contenuto minore di proteine e ricco di vitamine in particolare la tiamina, contiene anche molti sali minerali come fosforo e potassio. Preferitelo ovviamente integrale in modo che potrete aumentare l’assunzione di vitamine che, nella versione integrale, sono circa 4 volte superiori a quelle del riso bianco.

Polpette di verza e patate avanzati

Ingredienti: 100 g verza, 1 patata grande, 2 cucchiai pangrattato, 1 mozzarella, 2 uova, sale q.b, pepe q.b.

Preparazione: potete anche mettere tutto nel mixer e aggiungere alla fine anche un po di formaggio, il prezzemolo tritato e formare delle polpette. Disponete una teglia foderata con carta forno, condite con un filo d’olio per finire e infornate le polpette a 200° per 15 minuti.

Proprietà della verza: possiede un alto contenuto vitaminico ed è molto importante per il processo di coagulazione del sangue, conferisce benefici al livello cardiovascolare grazie all’azione inibitoria di calcificazione nelle arterie.

Stick di polenta avanzata

Ingredienti: 300 g di farina di mais per polenta integrale 1 l di acqua 1 cucchiaino di sale 2 cucchiai di olio evo sale, olio e erbe aromatiche 10 minuti a 200°, poi 5 minuti di grill al massimo.

Proprietà della farina di mais: la farina di mais, oltre ad essere un alimento molto versatile, è un valido sostituto della pasta, apporta una quantità di grassi superiore rispetto alla farina di frumento ma non contiene glutine, adatta anche alle persone che soffrono di celiachia. Il mais è un concentrato di acido folico, di sali minerali come il fosforo, ed è molto utile nel trasporto di energia cellulare.

Torta di pane raffermo al cioccolato e pere

Ingredienti: 500 grammi pane raffermo , (meglio se integrale), 500 ml latte o bevanda vegetale, 40 grammi cacao in polvere amaro, 100 grammi cioccolato fondente, 3 uova medie, 1 bustina lievito per dolci, 1 baccello vaniglia, 70 grammi frutta secca a scelta, 2 datteri, 2 pere piccole, 1 baccello vaniglia, 5 cucchiai olio evo, 1 pizzico sale integrale, 1 cucchiaino bicarbonato, scorza limone, quanto basta bevanda vegetale a scelta, quanto basta per rendere la cremosità farina di grano saraceno.

Torta di pane raffermo al cioccolato e pere
(Adobestock photo)

Preparazione: tagliate grossolanamente il pane a pezzettoni e lasciatelo ammollo nella bevanda di soia o nel latte per una ventina di minuti. Nel frattempo fate sciogliere il cioccolato extra fondente a bagnomaria. Frullate pane e latte per ottenere un composto cremoso. Mescolate uova e zucchero, aggiungete via via il composto di pane e latte, il baccello di vaniglia, il lievito e il cacao amaro. Versate il composto in uno stampo per torte di media larghezza e infornate a forno pre-riscaldato a 180 gradi per 30 minuti. Meglio è se riuscite a capire già da un menù settimanale pianificato quali sono i cibi da inserire nella lista della vostra spesa, quali consumerete per primi, quali scadono prima e con quanti potrete ricreare pietanze prelibate come queste 4 ricette facili e veloci. Per la ricetta completa cliccate qui! 

 

 

 

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post