Il cibo si conserva a lungo in dispensa, ma solo se seguirai queste piccole astuzie

Se vuoi conservare il cibo a lungo in dispensa, senza andare incontro a spiacevoli sorprese, ecco cosa devi sapere!

In dispensa si possono conservare tantissimi cibi, ovviamente quelli non deperibili, ma solo cibi secchi che sono stabili, come pasta, legumi secchi, biscotti, farina, caffè e così via. Sembra una banalità, ma il cibo si può conservare a lungo in dispensa, ma solo se viene fatto correttamente, così da preservare le caratteristiche organolettiche.

cibo dispensa conservare
(Canva photo)

Per caratteristiche organolettiche si intendono sapore e aroma. Non basta mettere il cibo sugli scaffali, ma è importante fare spesso un’ispezione visiva per essere certi che non si possano annidare insetti o altro. Bisogna anche tenere sotto controllo anche le date di scadenza così da consumare in tempo il prodotto e non si va incontro a sprechi. Quindi oggi ti sveliamo qualche piccolo trucco su come conservare a lungo il cibo in dispensa.

Conservare il cibo a lungo in dispensa: ecco i consigli utili da seguire

In dispensa si possono conservare diversi alimenti, ovviamente quelli non deperibili, quindi pasta, biscotti, spezie, conserve e succhi di frutta sigillati, cafè, farina, zucchero, latte a lunga conservazione, olio e passate di pomodoro. L’elenco potrebbe essere infinto.

cibo dispensa conservare
(Canva photo)

Prima di svelarvi i trucchi per conservare correttamente il cibo, è importante avere la dispensa sempre pulita e ordinata. Purtroppo la mancata pulizia e la cattiva conservazione del cibo in dispensa potrebbe farvi ritrovare con gli insetti.

Basterà lavare spesso con una soluzione di acqua tiepida con aceto bianco o con detergente delicato, pulisci più volte con un panno in microfibra e poi risciacqua e asciuga con un panno morbido di cotone. Se non è completamente asciutta la dispensa, non riporre il cibo. Utilizza sempre detergenti che non rilasciano troppi odori.

In dispensa il cibo va messo secondo un ordine ben preciso. Innanzitutto si mette a vista i cibi già aperti e prossimi alla scadenza, mentre dietro quelli confezionati e con scadenza lunga. Solo in questo modo eviterai sprechi, non butterai cibo scaduto. Ricorda che c’è una differenza tra cibo da consumare entro, cibo da consumare preferibilmente entro!

In caso di cibo aperto, facciamo un esempio. Hai aperto un pacco di pasta, piuttosto che dello zucchero o farina, si consiglia di conservare all’interno di un contenitore a chiusura ermetica, per evitare che possano entrare nelle confezioni i classici insetti, le farfalline. Ricorda però di appuntare sul contenitore la data di scadenza, perché non potrai risalire alla data se hai buttato la confezione!

I cibi liquidi come latte, passata di pomodoro e succhi di frutta, ricorda che una volta aperti vanno messi assolutamente in frigo e consumati entro pochissimi giorni. Stesso discorso vale per le conserve fatte in casa o comprate al supermercato.

Ricorda che per garantire una buona conservazione del cibo in dispensa è molto importante che non ci sia lontana da fonti di luce e di calore, l’ambiente non deve essere umido!