Grande soddisfazione per Carlo Cracco: un nuovo premio per lo chef

Carlo Cracco di recente ha vinto un nuovo premio (che non riusciva a vincere da anni) e sembra quindi che per la sua carriera questo sia un ottimo periodo.

Per Carlo Cracco questo, dal punto di vista lavorativo, sembra essere un periodo d’oro.

Carlo Cracco premio
Pinterest Photo

Di recente ha annunciato la riapertura del suo locale di Portofino, che gli ha dato grandi soddisfazioni fino ad ora, il suo impegno costante nella sua azienda agricola e vinicola in Emilia Romagna, le delusioni del passato sembrano solo un vago ricordo.

Ricordiamo, infatti, che nel 2018 lo chef aveva perso una stella Michelin e questa notizia aveva fatto in pochissimo tempo il giro dell’Italia.

All’epoca i social si erano scatenati, ma lui era sembrato davvero molto sportivo ed aveva accettato la decisione.

Oggi però per lui una nuova soddisfazione è arrivata: Carlo Cracco ha infatti ricevuto un nuovo premio.

Carlo Cracco: ecco quale premio ha vinto

La quarantaquattresima edizione della premiazione de Le Guide de L’Espresso è stata di recente presentata a Firenze, al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.

Carlo Cracco premio
Pinterest Photo

Ad essere candidati al premio, più di 100 pizzerie e di 2000 ristoranti: tra questi quello di Carlo Cracco.

Sappiamo infatti che quest’anno nella guida “I Ristoranti e i Vini d’Italia 2022” i 5 Cappelli sono passati da 13 a 18, mentre sono rimasti 14 i Cappelli d’oro, cioè i classici rivisitati.

Sono poi 34 i ristoranti premiati con 4 Cappelli, 117 con 3 Cappelli, 273 con 2 Cappelli e 605 con 1 Cappello.

Tra quelli premiati con 5 Cappelli c’è proprio Cracco, l’omonimo ristorante milanese dello chef.

Carlo Cracco ha commentato la sua vittoria dicendo: “Il tempo aggiusta tutte le cose. Quando si lavora con vera passione, con un progetto chiaro, con idee e cuore, alla fine arrivano i riconoscimenti. Anche se forse il segreto è portare avanti i propri disegni senza curarsi (troppo) di voti e classifiche, perché le soddisfazioni arrivano dai clienti felici”.

Lo chef ha poi parlato della categoria dei ristoratori che da un paio di anni, a causa della pandemia, ha subito un bruttissimo colpo.

A questo proposito ha detto che questa è una categoria che comunque ha dimostrato e continua a dimostrare di essere forte, resiliente, di non avere alcuna intenzione di arrendersi. 

Inoltre Carlo Cracco, dopo aver ricevuto il premio, ha affermato di voler portare – insieme a tutti i suoi colleghi chef – alta la bandiera dell’identità italiana culinaria nel mondo.

Non molto tempo fa, poi, lo chef aveva anche annunciato ai suoi followers che ci sarebbero state tante soprese.

Ma tornando al premio vinto, sappiamo che era fuori dal podio da diversi anni ormai. Negli ultimi tempi, però, grazie anche all’aiuto di Luca Sacchi, il suo braccio destro, è riuscito a crescere in maniera esponenziale ed a risollevarsi.

I suoi piatti sono freschi, eleganti, dotati di estrema personalità. Un esempio? Il Think Green – composto da kiwi, avocado, coriandolo e bottarga – perfetto per tutti i gusti.

Lo chef, insomma, è riuscito a creare piatti basati su un perfetto equilibrio tra i sapori.