RICHIAMO ALIMENTARE PER PESTO di un noto supermercato

allerta alimentare
fonte foto: Adobe Stock

Richiamo alimentare per il pesto di una nota catena di supermercati. Scopri qual è e come riconoscerlo.

Il pesto è uno dei condimenti più amati dagli italiani. Ottimo quando preparato in casa, è così buono da spingere in molti all’acquisto di quello già pronto pur di poterlo gustare anche quando si va di fretta. Una vera delizia per il palato che aiuta a portare in tavola qualcosa di buon con il minimo sforzo.

Eppure, anche il pesto non è immune ai richiami alimentari. E a dimostrarlo è quanto accaduto in questi giorni per quello di una nota catena di supermercati. A seguire tutte le informazioni che servono.

Richiamo alimentare per il Pesto del Lidl: ritirato per possibile presenza di sostanza nociva

pesto genovese
fonte foto: Adobe Stock

ll richiamo è partito dalla sede svizzera del Lidl, nota catena di supermercati che negli ultimi anni si è fatta conoscere sempre di più in Italia.

Il richiamo è abbastanza importante e riguarda nello specifico il pesto del marchio “Italiamo” prpdotto da F.lli Pollo spa. Ecco, quindi, le informazioni per riconoscerlo.

  • Nome del prodotto: Italiamo Pesto alla Genovese
  • Produttore: F.lli Polli spa
  • Numeri di lotto: MUC172 e MUC98
  • Data di scadenza: 3/2024
  • Confezione da 190 g
  • Motivo del richiamo: possibile preenza di ossido di etilene

LEGGI ANCHE -> Allerta alimentare per bacche di goji

Come sempre, chiunque abbia acquistato i prodotti con i numeri di lotto sopra indicati, è pregato di non consumarli e di riportarli presso il punto vendita. In cambio, come annunciato direttamente da Lidl, si otterrà il rimborso, anche in assenza dello scontrino.

Perché il pesto del Lidl ha subito un richiamo? La verità sull’ossido di etilene

piatto divieto
fonte foto: Adobe Stock

L’ossido di etilene è un agente biodica usato spesso come ddt per proteggere i vari alimenti dall’attacco di insetti o dalla formazione di muffe. Si tratta però di un prodotto altamente aggressivo e che in grandi quantità può danneggiare i reni. Inoltre viene considerato cancerogeno.

Per questo motivo in Svizzera è del tutto vietato mentre in Italia è stata stabilità una quantità minima entro la quale può essere trovato in tracce. Al di là di quella soglia, però, i prodotti vengono richiamati e tolti dal commercio.

LEGGI ANCHE -> ALLERTA ALIMENTARE grave: richiamato prodotto con salmonella

Esattamente quanto avvenuto al pesto del Lidl che pertanto da questo momento (parliamo sempre e solo dei lotti sopra indicati) non dovrà essere consumato ma riportato presso il punto vendita. E qualora lo si fosse già consumato? In tal caso si può contattare il medico curante per avvisarlo dell’accaduto e sentire le sue indicazioni in merito.

Restare sempre aggiornati sulle varie allerte alimentari è un buon modo per prendersi sempre cura di se e della propria famiglia, evitando di portare in tavola cibi potenzialmente pericolosi per la salute. Continuate a seguirci per restare sempre aggiornati sulle ultime allerte.