Sicure di mangiare i FRUTTI DI BOSCO CONGELATI? Dopo aver letto questo cambierete idea!

FRUTTI DI BOSCO
(Canva photo)

Quante volte avete acquistato i FRUTTI DI BOSCO CONGELATI perché pratici da utilizzare e utilissimi per impreziosire torte e colazioni? Leggete quanto segue, cambierete idea o vi troverete costrette a mettere in pratica trucchi per mangiarli serenamente. 

Possiamo essere sicure sul consumo dei frutti di bosco freschi crudi dopo averli lavati, ma possiamo dire lo stesso di quelli surgelati? Non proprio. Ma niente paura, vi spieghiamo perché e come poterli consumare con serenità.

LEGGI ANCHE > RETINE DELLA FRUTTA, non hai mai pensato di riutilizzarle così vero?

FRUTTI DI BOSCO CONGELATI, tutto quello che c’è da sapere

FRUTTI DI BOSCO
(Adobestock photo)

Da freschi, dopo averli accuratamente lavati e asciugati si possono consumare crudi senza nessun tipo di problema, ma con quelli congelati il discorso cambia. Avete mai prestato attenzione a cosa c’è scritto sull’etichetta delle confezioni di lamponi e mirtill congelati?

Dopo averli lasciati scongelare, la legge ci dice espressamente che è obbligatorio cuocerli prima del consumo. Il raccolto dei frutti di bosco avviene manualmente, in ambienti aperti nei quali le norme igieniche scarseggiano, post raccolta i frutti non vengono ne lavati ne sanificato ma direttamente abbattuti.

Così lavorati, i frutti di bosco, portano con loro molto spesso virus, come ad esempio l’epatite A, ciò accade con più facilità perché non sono ricoperti da un buccia. Il Ministero della Salute infatti raccomanda la cottura prima del consumo. 

LEGGI ANCHE > Eliminare RESTROGUSTO AMAROGNOLO DELLE MELANZANE con 3 semplicissimi trucchi

Da sette anni i casi di contaminazioni dei frutti di bosco da norovirus ed epatite A non si fermano, né in Europa né nel resto del mondo. Qualcuno ricorderà la contaminazione del virus dell’epatite A nei frutti di bosco congelati che scattò nel 2013 dopo che in Danimarca le autorità sanitarie avevano segnalato un incremento anomalo di casi di epatite A (che poi avevano interessato anche Finlandia, Norvegia e Svezia) e avevano individuato la fonte dell’infezione in uno uno “smothie” (un frullato) a base di frutti di bosco congelati. Era aprile e nel giro di pochi mesi il ritiro dal mercato di frutti di bosco congelato avrebbe interessato diversi marchi e diversi paesi – europei e non – tra cui l’Italia.

(Fonte: ilsalvagente.it)

Ricordatevi quindi di cuocerli sempre prima di mangiarli: versateli in un pentolino, mescolate di tanto in tanto, per qualche minuto, a fiamma bassa e gustateli. Se potete, preferite quelli freschi!