Frittata di spaghetti perfetta e appetitosa? Stai attenta a questa errori

Frittata di pasta
Foto:Adobe Stock

La frittata di pasta è poco appetitosa e croccante? Non vi resta che prestare attenzione, evita questi errori quando prepari la frittata di spaghetti.

Alzi la mano chi non mai preparato per una gita fuori porta o per un pranzo in ufficio la frittata di spaghetti! Un piatto classico e intramontabile che piace a tutti, come per la pizza di maccheroni. La ricetta classica si prepara con spaghetti in bianco a cui vengono aggiunte le uova sbattute con il formaggio e non solo. Quello che rende particolare questo piatto è l’aggiunta dei salumi. Ma ci sono anche delle varianti, magari da preparare con gli spaghetti avanzati al pomodoro, niente male la ricetta!

Ma bisogna stare attenti perchè l’errore è dietro l’angolo, scopriamoli così da evitarli.

Frittata di spaghetti: errori da evitare

La frittata di spaghetti è una ricetta che affonda le sue radici a Napoli, un piatto della tradizione napoletana che ormai è diffusa in altre città. Una ricetta semplice, veloce e gustosa che si prepara facilmente e con pochi ingredienti.

errori vongole
Foto: Pixabay

Ecco gli errori da evitare per poter servire una frittata di spaghetti appetitosa!

  1. Non solo il riciclo. Eppur vero che la frittata di spaghetti nasce come ricetta di riciclo per smaltire gli avanzi di spaghetti cotti, ma ciò non vieta di preparare la frittata comunque.
  2. Solo gli spaghetti. E’ vero che la frittata di spaghetti si prepara con gli spaghetti ma se vi sono avanzati i bucatini o spaghettini, provate comunque a prepararla. Al di là di tutto dalla ricetta tradizionale comunque evitereste sprechi se vi è avanzato un formato di pasta diverso.
  3. Poche uova. Le uova vanno messe in proporzione alla quantità di spaghetti, altrimenti non si legheranno bene. In generale occorrono dalle 4-5 uova per 350 g di spaghetti.
  4. Omettere il formaggio. Dopo avere cotto gli spaghetti se non avete avanzi, trasferite in una ciotola, poi unite le uova sbattute condite con sale e pepe, non dimenticate di aggiungere il formaggio grattugiato, parmigiano o pecorino romano. Scegliete voi quello che preferite, senza i quali la frittata non ha lo stesso sapore.
  5. Non aggiungere i salumi. Non bastano i formaggi ma anche i salumi. Potete optare per la pancetta, la mortadella, quello che gradite, ma non dimenticate di aggiungerli. I salumi donano un sapore diverso alla frittata.
  6. La cottura… fate attenzione. Dopo aver amalgamato gli spaghetti alle uova e al resto degli ingredienti, mettete l’olio in padella e versateci il composto e fate cuocere a fiamma media. Non appena sarà cotta dovete girare la frittata, mi raccomando scuotete la padella, così la frittata si stacca dal fondo e poi poggiate sopra un piatto e rovesciate la padella poi rimettete la frittata in padella e proseguite la cottura e servite. Evitate di cuocere a fiamma alta rischiate di cuocere solo la superficie e il cuore rimane crudo.
  7. Servire fredda. Nessuno a mai detto il contrario, la frittata di spaghetti si può gustare appena cotta ma anche fredda, ma non di frigo. Se l’avete conservata in frigo, lasciate un pò a temperatura ambiente oppure riscaldatela.
  8. Non siate tirchi. Non limitatevi con le quantità, altrimenti il piatto non avrà il giusto sapore e profumo. Seguite sempre i consigli della ricetta e non sbaglierete!

Avete mai provato a preparare gli spaghetti alla carbonara di Alessandro Borghese, cliccate qui e scoprirete la ricetta.