Solo evitando questi errori servirai un baccalà fritto perfetto

Aprile 5, 2021Virgilia Panariello
Baccalà fritto

Avete servito dei filetti di baccalà poco croccante e unti e non siete soddisfatti del risultato ottenuto? Ecco gli errori da evitare quando servite il baccalà fritto.

Il baccalà è un alimento spesso presente sulle tavole degli italiani, è molto versatile si presta anche a diverse cotture. Inoltre si sposa tantissimo con le patate, cipolle, olive davvero un cibo straordinario. Per non dimenticare del baccalà fritto, un piatto a dir poco irresistibile, con la panatura croccante e invitante che non si sa proprio rinunciare a tanta bontà.

Un contrasto tra la panatura croccante e la morbidezza del baccalà davvero una delizia, ma  potrebbe accadere che per un banale o banali errori non accade, il baccala sarà poco appetitoso. Se si sbaglia qualcosa potreste ritrovarvi con un baccala molliccio e la panatura per nulla croccante. Quindi cerchiamo di capire quali possono essere i possibili errori da evitare quando si prepara il baccalà fritto.

Baccalà fritto perfetto: evita questi errori

Non sempre si riesce a servire il baccalà fritto croccante e gustoso, soprattutto quando si va di fretta e non si pone la giusta attenzione.

baccalà
Foto:Adobe Stock

In cucina purtroppo gli errori possono accadere motivo per cui non bisogna mai andare di fretta. Noi di Mammeincucina siamo qui per elencarvi i possibili errori da evitare per un risultato finale perfetto.

  1. La farina sbagliata. Se volete una panatura croccante allora vanno scelte farine deboli, anche senza glutine!
  2. Mescolare la pastella. Dopo aver mescolato la pastella si deve evitare di girarla spesso, perchè si rischia di inglobare l’aria nell’impasto e di conseguenza si formeranno le bollicine quando friggerete nell’olio il baccalà. Segui i ostri consigli su come preparare correttamente la pastella.
  3. Olio non adatto alla frittura. Si sa che in commercio esistono diversi oli, ma non tutti sono adatti alla frittura. L’olio per la frittura deve essere stabile ad elevate temperature quindi deve avere un punto di fumo alto. Se si dovesse superare si potrebbero generare delle sostanze che possono rivelarsi dannose per l’organismo. Quindi scegliete l’olio di semi di arachide o l’olio di semi di girasole alto oleico. Ecco come preparare la frittura perfetta!
  4. Lasciare il baccalà troppo umido. Prima di mettere il baccalà nella pastella dovete asciugarlo con della carta assorbente da cucina. Solo in questo modo eliminando l’acqua in eccesso riuscirete ad evitare gli schizzi in frittura.
  5. Friggere subito. Dopo aver messo i pezzi di baccalà in pastella si consiglia di farli riposare in frigo per circa un’ora. Solo in questo modo il baccalà avrà una panatura croccante.
  6. Friggere in olio freddo. Per garantire la giusta croccantezza dovete riscaldare bene l’olio prima di immergere il baccalà. Solo in questo modo garantirete una cottura omogenea e perfetta. Inoltre ricordate di non mettere troppi filetti di baccalà in padella rischiando di far abbassare la temperatura dell’olio e di conseguenza non si garantirà la giusta croccantezza.
  7. Aggiungere sale in cottura. Potrebbe accadere che il sale richiama l’acqua quindi inumidirà la superficie esterna del pesce, la conseguenza è un baccalà molliccio.

Infine prima di servire il baccalà, fatelo asciugare adagiandolo su un piatto con della carta assorbente, così da far assorbire bene l’olio in eccesso. Poi salate e gustate.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post