La pasta avanzata si può riscaldare alla perfezione, ma solo se eviterai questi banali errori

Ecco come riscaldare la pasta avanzata alla perfezione, ma solo se eviterai questi banali errori e tutti ne andranno ghiotti.

In cucina si devono evitare errori se si vuole servire un piatto o un dessert perfetto, non solo si dovranno anche evitare sprechi. Alzi la mano chi non si è mai ritrovata con della pasta avanzata e si sa che si conserva per poi riscaldarla.

pasta avanzata riscaldare
(Canva photo)

Impossibile rinunciare ad un primo piatto, mette sempre d’accordo tutti a tavola, che sia la solita pasta al pomodoro, piuttosto che della pasta con la besciamella, lasagna o pasta gratinata. Se dovesse avanzare si sa che si conserva all’interno di un contenitore a chiusura ermetica in frigo per poi riscaldarla. Se non si fa in un certo modo si rischia di andare incontro a spiacevoli sorprese. Oggi ti sveliamo gli errori da evitare quando si deve riscaldare della pasta avanzata.

La pasta avanzata si può riscaldare, ma evita questi errori

La pasta è tra il simbolo della tradizione culinaria italiana, che si tratti di una semplicissima pasta ai pomodorini, al sugo di pomodori, piuttosto che al forno è sempre ben gradita, mette sempre il buon umore in tavola.

pasta avanzata riscaldare
(Canva photo)

La pasta al forno è ancora più gustosa, soprattutto il giorno seguente, però bisogna prestare attenzione al momento del riscaldamento. Basta poco, un semplice errore che mette a dura prova tutto, rischiando di servire una pasta dura e non a regola d’arte.

La pasta avanzata si può riscaldare in padella, l’errore che spesso si commette è omettere l’aggiunta del grasso, ma non garantisce un buon risultato. Basta mettere un po’ di olio extra vergine di oliva o del burro in una padella ampia e antiaderente, poi si aggiunge la pasta e si lascia cuocere per 8 minuti circa. Per una cottura omogena, si può girare con un legno e così tutta la pasta si riscalderà uniformemente.

Se invece preferisci farlo nel forno elettrico, utilizza sempre contenitori adatti, versa la pasta all’interno dopo aver oleato, se inforni in forno spento sbagli!

L’errore che in molte fanno, invece sarebbe importante preriscaldare a 180 °C il forno e poi adagi la teglia o pirofila sul ripiano centrale, solo così la pasta si riscalderà benissimo, il tempo necessario non deve superare 12-15 minuti, ma copri con un foglio di alluminio la teglia così la pasta non si seccherà! Hai mai preparato gli spaghetti alla Nerano? Solo così saranno perfetti!

Se la quantità di pasta da riscaldare è pochissima puoi anche farlo nel forno a microonde. Trasferisci la pasta nel contenitore adatto e non riscaldare direttamente altrimenti la pasta si seccherà, ma poni un bicchiere d’acqua sul ripiano, così da creare la giusta umidità nell’elettrodomestico. Riscalda alla massima potenza per pochissimi minuti!

La pasta avanzata riscaldata sarà perfetta solo se eviterai alcuni banali errori.