Dieta del panino da 1300 calorie: ideale per chi mangia spesso fuori casa

Con la dieta del panino da 1300 calorie possiamo perdere qualche chilo in vista dell’estate: ideale per chi mangia spesso fuori casa. 

Conciliare dieta e pasti fuori casa non è una cosa molto semplice. Se si ha la possibilità e la fortuna, di poter mangiare a pranzo qualcosa di preparato genuinamente in casa, senza l’aggiunta di troppi grassi, è sicuramente meglio ai fini della dieta.

dieta panino 1300 calorie
Canva photo

Molti però non hanno la possibilità di farlo per motivi lavorativi, ad esempio. Chi può godere di una sola ora in pausa pranzo e abita lontano dal luogo di lavoro si vede costretto a mangiare qualcosa al volo al bar.

O altrimenti a portarsi un pranzo pronto da casa, e in quel caso c’è la possibilità di poter controllare meglio le calorie che vengono messe sul piatto. Tra le soluzioni più comode però di chi mangia fuori casa sicuramente c’è il panino: scopriamo la dieta da 1300 calorie.

Ecco la dieta del panino da 1300 calorie

Quando si mangia fuori casa molti scelgono di pranzare al ristorante, alla mensa o al bar. In quest’ultimo caso spesso si finisce per scegliere qualcosa di pratico e veloce come il classico panino.

dieta panino 1300 calorie
Canva photo

Spesso però a forza di consumare i panini si finisce per prendere peso, nutrendosi anche in maniera poco sana. Tutto sta a saper preparare dei panini che non facciano ingrassare, scegliendo il pane giusto e gli alimenti da inserire all’interno, così come non meno importante controllando le quantità.

E se non vogliamo rinunciare alla bontà di questo alimento, ecco una dieta da circa 1200-1300 calorie per dimagrire circa un chilo o due alla settimana a base di panini. Scopriamo cosa mangiare e come farlo. Ecco tutti i segreti per perdere peso con la dieta del panino.

Intanto giornalmente dovremo consumare fare una colazione sana e a base di cibi leggeri, inserendo il giusto quantitativo di proteine e carboidrati, a questo proposito possiamo consumare una tazza di latte parzialmente scremato con 2 fette biscottate e un cucchiaino di marmellata senza zuccheri. Oppure uno yogurt bianco magro con una manciata di cereali. Infine possiamo bere del tè o del caffè senza zucchero.

Come spuntino di metà mattina la scelta dovrà ricadere su un frutto fresco di stagione o su uno yogurt magro se non lo abbiamo già consumato a colazione.

A merenda possiamo optare per un frullato di frutta fresca senza zuccheri oppure per una manciata di frutta secca. Bene anche lo yogurt se ancora non lo abbiamo consumato.

Questo schema è valido per tutte le giornate. Il sabato e la domenica se non si ha necessità di consumare il panino fuori si potrà optare per alimenti sani e leggeri, come un piatto di pasta integrale condito con le verdure, o un’insalata di riso e di farro. Ora però vediamo come inserire i panini in questa dieta.

Nell’arco della settimana dovremo cercare di diversificare quanto più possibile i nostri panini. In questo modo non saremo assaliti dalla noia e in più potremo introdurre diversi alimenti e variegare più possibile la dieta.

Intanto iniziamo precisando che la quantità di pane dovrà aggirarsi sui 50 grammi che corrisponde a una piccola michetta o due fette di pane sottili. Quindi mettiamo più condimento all’interno senza esagerare con panini enormi.

Come farcitura possiamo sbizzarrirci con una porzione di roastbeef da circa 100-150 grammi o di bresaola circa 60 grammi. Bene anche una mozzarella fior di latte, o con 100 grammi di formaggio fresco spalmabile magro come il caprino. Altrimenti del tonno, una scatoletta piccola, e infine un hamburger di carne di vitello o di pollo semplice.

A questi ingredienti possiamo aggiungere ovviamente verdure a volontà e quindi inseriamo ad esempio con la mozzarella un grande pomodoro a fette che potremo condire con un cucchiaino d’olio e un pizzico di sale, alla bresaola della rucola, al formaggio delle verdure grigliate e così via.

Per cena dovremo a questo punto alternare dei secondi a base di pesce, carne bianca magra, o uova (un paio di volte alla settimana e non di più) o legumi. Consumarli con le verdure e una piccola quantità di carboidrati tra pane, cereali o patate.

Ricordiamo che queste informazioni non sostituiscono il parere di un nutrizionista che è sempre opportuno consultare nel caso in cui si voglia intraprendere una dieta.