Il metodo facile, sicuro e infallibile per pulire il filtro anti acaro dell’aspirapolvere in pochi minuti

Pulire regolarmente il filtro anti acaro dell’aspirapolvere è fondamentale: ecco come farlo a perfezione e in pochissimi minuti!

Il filtro anti acaro, presente nella maggior parte degli aspirapolveri moderni, consente di aspirare e trattenere non soltanto le più piccole particelle di polvere, ma anche gli acari che di essa si nutrono.

pulire filtro aspirapolvere
(Canva)

Si tratta quindi di un pezzo assolutamente essenziale per l’efficacia dell’elettrodomestico, soprattutto se lo abbiamo acquistato per evitare o almeno minimizzare episodi allergici.

Questo filtro è costituito in uno speciale tessuto a trama molto fitta e ripiegato su se stesso in maniera da formare una sorta di struttura a corolla intorno a un sostegno di plastica.

Tra le raccomandazioni contenute nelle istruzioni d’uso degli aspirapolveri compare sempre quella di tenere il filtro anti acaro il più pulito possibile, in maniera da mantenerne sempre alta l’efficacia.

A causa della sua forma e delle numerose pieghe che presenta, però, il filtro anti acaro può essere apparentemente complesso da pulire.

Pulire il filtro dell’aspirapolvere con pettine e spazzolino

Il motivo per cui il filtro dell’aspirapolvere, come ogni altro filtro, perde progressivamente la sua efficacia, è che l’accumulo di polvere lo satura, impedendo quindi al filtro di catturare la nuova polvere in entrata.

pulire aspirapolvere
(Canva)

Per questo motivo è fondamentale eliminare la maggior parte della polvere dal filtro periodicamente, in maniera da mantenerlo sempre pulito.

L’ideale sarebbe eseguire la pulizia a secco dopo ogni utilizzo e la pulizia con acqua e schiuma almeno una volta al mese.

Per farlo è importante conoscere una tecnica molto pratica che permette di eliminare la polvere minimizzando anche il rischio di disperdere la polvere nell’aria.

Il primo passaggio consiste nel raccogliere la polvere utilizzando un pettine di plastica a denti stretti.

Se il filtro è liscio, sarà abbastanza semplice far scorrere il pettine sulla sua superficie staccando delicatamente polvere e capelli. Se il filtro fosse invece pieghettato, come accade spesso, si dovrà prestare particolare attenzione a non danneggiare le pieghe o a non spezzare i denti del pettine utilizzando troppa forza.

Eliminata grossolanamente la polvere si dovrà immergere il filtro in un secchio o un recipiente contenente acqua tiepida e sapone liquido. Il consiglio è di evitare il detersivo liquido da bucato con ammorbidente perché potrebbe occludere le maglie del filtro.

Dopo averlo lasciato in ammollo per qualche minuto basterà estrarlo, cambiare l’acqua nel recipiente e cominciare a sfregarlo con sapone liquido e un vecchio spazzolino.

Si dovrà prestare molta cura a pulire all’interno di tutte le pieghe e soprattutto in prossimità dei bordi di plastica del filtro, dove la polvere si incastra.

Per sciacquare il filtro l’ideale è immergerlo più volte in acqua fresca durante la pulitura con lo spazzolino e infine sciacquarlo sotto l’acqua corrente.

Il filtro dev’essere perfettamente asciutto nel momento in cui sarà reinserito nell’aspirapolvere. Per farlo meglio evitare di usare il phon e lasciare semplicemente che si asciughi all’aria.

E per un aspirapolvere che profuma l’ambiente mentre lo si utilizza? Anche in questo caso la soluzione è davvero molto semplice ed estremamente economica! Si tratta di un trucco da mettere in pratica soprattutto se stiamo usando un elettrodomestico molto vecchio, che quasi sicuramente ha cominciato a generare un odore sgradevole mentre lo si utilizza.