I trucchi infallibili per sgonfiare l’addome e sentirsi più belle e leggere

In vista delle vacanze estive ecco come sgonfiare l’addome e sentirsi più leggere con questi trucchi utili. 

Avere una pancia tonica e piatta è il sogno di ogni donna, ma spesso gonfiore e grasso addominale prendono il sopravvento. Cattive abitudini, unite ad una dieta sregolata e alla vita sedentaria sono il motivo principale per cui la pancia tende a gonfiarsi.

sgonfiare addome
Canva photo

Ma sgonfiare l’addome si può. Tutto sta a saper rispettare alcune regole di base che possono aiutarci a raggiungere l’obiettivo senza fare troppe rinunce. Basta stilare una lista di cose da fare e altre da evitare ed ecco che in men che non si dica torneremo in forma.

Inoltre, molto spesso capita di avere una pancia gonfia, pur non avendo problemi di peso. Ecco perché in questo caso dobbiamo assolutamente capire quale può essere la causa e se dipende da uno problema di salute o semplicemente da abitudini sbagliate.

Ecco come sgonfiare l’addome: i trucchi utili

Non sempre un addome gonfio va di pari passo con l’adipe. A volte può capitare anche alle persone normopeso o sottopeso di avere problemi di pancia gonfia. Le cause possono infatti essere le più disparate.

sgonfiare addome
Canva photo

Il primo consiglio è quello di valutare il problema consultando un medico. Una volta scongiurate le cause principali di salute, si potrà capire se il disturbo deriva da altre situazioni.

Molto spesso, infatti, il gonfiore addominale dipende da errori alimentari e cattive abitudini e a provocarlo possono essere in particolare alcuni cibi o bevande gassate, ma anche alcoliche. Altri, ad esempio, hanno l’abitudine sbagliata di mangiare troppo velocemente o di masticare le gomme americane. Non solo, anche fumo, stress, ansia e vita sedentaria provocano tale disturbo.

Intanto la prima cosa da fare è introdurre quei cibi che possono aiutarci ad eliminare il gonfiore addominale. Poi, ecco alcuni trucchi utili che aiutano a far sgonfiare l’addome.

1) Non consumare frutta a fine pasto. La frutta è fondamentale e dobbiamo consumarne almeno 3 porzioni al giorno ma è bene evitare di mangiarla a fine pasto altrimenti fermentando nell’intestino ci creerà gonfiore e gas. Basterà inserirla negli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio. Peggio ancora sono i dolci. Anch’essi dopo un pasto tendono a fermentare perché ricchi di zuccheri quindi se proprio non si riesce a farne a meno almeno evitiamo di consumarlo a fine pasto ma magari inserirlo a merenda.

2) Mangiare lentamente. Se ci abbuffiamo ingurgiteremo più aria del normale. Meglio allora masticare bene ogni boccone e godersi il pasto lentamente in caso contrario si formeranno molti più gas intestinali. Inoltre, mangiando velocemente tenderemo a consumare più cibo perché il segnale di sazietà dallo stomaco al cervello impiega circa 20 minuti.

3) Inserire le fibre. Molto spesso chi soffre di gonfiore addominale fatica ad andare in bagno. La stipsi è un problema comune e che riguarda molte donne, ma non solo. Assumendo più fibre aiuteremo il transito intestinale e riusciremo a liberarci in modo più regolare.

4) Bere una tisana al finocchio. Sembrerà banale ma la tisana al finocchio è un valido alleato dell’addome piatto. Generalmente in erboristeria esistono dei preparati da utilizzare. Per prepararla si usa il finocchietto selvatico e i semi che detengono proprietà digestive e diuretiche.

5) Non andare a dormire subito dopo aver mangiato. Un altro errore da non commettere è invece quello di stendersi e dormire subito dopo aver finito di mangiare. In questo modo rallentiamo la digestione e provocheremo il classico gonfiore. Ideale sarebbe attendere almeno 2 ore prima di andare a letto.

6) Assumere probiotici. Ci aiutano a rinforzare la flora batterica intestinale e a migliorare i processi digestivi.

7) Abbinare bene i cibi. Molti commettono l’errore di unire cibi che tra di loro provocano gas intestinale. Ad esempio il tipico latte e caffè al mattino. Qui puoi conoscere le combinazioni di cibi dannose per la salute.