Sora Sara prepara una torta salata 👩🏻‍🍳 strepitosa: 3 ingredienti e calorie azzerate 😋 mamma mia che piatto gustoso!

    Alla ricerca di una torta che non sia una sacher o una millefoglie? Allora non ti resta che preparare la torta di Sora Sara, fidati salata è molto meglio!

    Uno degli aspetti più divertenti della cucina è davvero poter pensare le combinazioni più impensabili, come il pollo al vino, e ottenere un piatto davvero strabiliante e dal gusto esagerato.

    Torta Sora Sara
    Canva Photo

    Insomma, in cucina non esistono errori, ma solo combinazioni poco congeniali, un po’ come la granita al limone con la panna sopra, quello sì che potrebbe essere un problema più che altro per lo stomaco.

    Per il resto, quasi tutto è ben accetto e sperimentare deve essere la parola d’ordine, anche per i piatti ancorati nella nostra tradizione. Pensando, infatti, alla torta, care mamme, cosa vi viene in mente? Ma ovviamente una gustosa sacher, una frizzante cheesecake o anche una delicata millefoglie.

    Insomma, potremmo ancora allettare la nostra fantasia con alcuni dei grandi classici della pasticceria. Eppure, negli ultimi anni, sempre sotto il segno dell’invenzione, ha trovato grande spazio e consenso generale la torta salata.

    Stiamo parlando di una preparazione a base salata semplice, anche molto immediata, ma capace di restituire una palette di sapori e colori non da poco. Insomma, che sia con le verdure, il gorgonzola o i salumi, una torta salata non si rifiuta mai. Soprattutto se stiamo parlando della torta salata di Sora Sara, si prepara in un attimo e si mangia in un sol boccone.

    Sora Sara che bontà la tua torta salata!

    Protagonista della nostra torta salata è la scarola, una verdura che contiene pochissimi grassi, aiuta a contrastare, tra le altre cose il colesterolo, l’ipertensione e il diabete mellito di tipo 2. Il suo sapore amarognolo, però, la rende perfetta per una torta salata.

    Sora Sara ricetta
    Canva Photo

    Ricetta per 6 persone

    Tempo di preparazione: 30 minuti

    Tempo di cottura: 45 minuti

    Tempo totale: 75 minuti

    Ingredienti:

    • Farina 00 200 grammi
    • Burro 100 grammi
    • Acqua fredda 50 grammi
    • Sale fino
    • Scarola 360 grammi
    • 1 cucchiaio di uvetta
    • 3 acciughe sotto sale
    • Olio extra vergine di oliva q.b.

    Preparazione

    1. Per prima cosa, dobbiamo occuparci dell’impasto della torta salata. Per preparare la pasta brisé, metti insieme in una ciotola la farina, il burro, l’acqua e il sale e inizia a impastare il tutto con le mani.
    2. Quando si sarà amalgamato per bene, sposta l’impasto dalla ciotola al piano di lavoro, continuando a impastare per renderlo ancora più omogeneo.
    3. Appena avrà preso abbastanza consistenza e compattezza, avvolgi la pasta brisé nella pellicola e lascia riposare in frigo una mezz’oretta abbondante.
    4. Ora, possiamo dedicarci alla scarola. Dopo averla lavata, pulita e tagliata a pezzetti, fa saltare la scarola  in una padella antiaderente con un filo d’olio, uvetta e acciughe. Quando si sarà appassita del tutto e il gusto dell’uvetta avrà aromatizzato per bene la scarola, spegni il fuoco.
    5. Passati 30 minuti, riprendi l’impasto e stendilo con poca farina, ottenendo all’incirca un diametro 30 cm e uno spessore di 2 mm. Coprendo lo stampo da 25 cm 22 con la carta forno, ora adagia la pasta con le mani, in modo tale che aderisca bene ai bordi e rifiniscili eliminando la pasta in eccesso.
    6. Prendi ora il condimento, la scarola con l’uvetta e le acciughe, e versalo all’interno della torta salata, coprendone ogni punto.
    7. A questo punto, pressa un po’ i bordi e arrotolali su loro stessi così da ottenere dei bordi più spessi, come quelli della pizza.
    8. Ora non ti resta che cuocere per 50 minuti in forno statico preriscaldato a 180 gradi la torta salata di Sora Sara, finché non diventerà bella dorata.

    Trucco da mamma:

    Per dare un po’ di gusto e dolcezza in più alla tua torta salata, aggiungi anche un po’ di peperoni all’interno del ripieno.

    INGREDIENTI