Pasta alla norma da leccarsi i baffi? Fai attenzione a questi errori

Marzo 5, 2021Virgilia Panariello
pasta alla norma originale

Se desiderate servire un piatto di pasta alla norma da leccarsi i baffi, dovete fare attenzione a non commettere errori, scopri quali.

Chi non mai preparato a casa per un pranzo domenicale la pasta alla norma? Una ricetta della tradizione siciliana che ormai è conosciuta e apprezzata in tutta Italia. Secondo molti il nome alla pasta è stato dato dal commediografo siciliano Nino Martoglio.

Preparare a casa la pasta alla norma non è poi così difficile, anche se a volte ci si allontana dalla ricetta tradizionale. Infatti c’è chi dona sempre un tocco personale al piatto con l’aggiunta di qualche altro ingrediente o sostituendone semplicemente qualcuno.

La tradizione vuole che la pasta alla norma si prepara con ricotta salata e melanzane fritte e pomodori, ma cerchiamo di capire i possibili errori da evitare così da poter servire un primo piatto a dir poco perfetto.

Errori da evitare quando preparate la pasta alla norma

La pasta alla norma è un piatto della tradizione siciliana che spesso si prepara tra le mura domestiche. Se volete stupire tutta la vostra famiglia è necessario capire come farla alla perfezione.

Melanzane a fette
Foto: Adobe Stock

Scopriamo i possibili errori da evitare durante la preparazione della pasta alla norma

  1. Attenti alle melanzane. Non solo devono essere fresche, ma è necessario eliminare l’acqua altrimenti risultano troppo molle e talvolta amare.  Basta metterle sotto sale dopo averle lavate e affettate. Lasciatele per almeno un’ora, poi tamponante bene con carta assorbente e procedete alla cottura.
  2. Occhio alla frittura. Fate attenzione a non farle bruciare o seccare troppo rischiate di rovinare il piatto. Inoltre l’olio deve essere ben caldo. Ricordate che dopo averle fritte dovete far assorbire l’olio in eccesso adagiando le melanzane su un piatto con carta assorbente. Se omettete questo step rischiate di servire un piatto con melanzane troppo unte.
  3. Attenzione alla ricotta. E’ l’ingrediente che la distingue da altri primi piatti che hanno come ingrediente le melanzane. La ricotta deve essere necessariamente salata e stagionata e va grattugiata sulla pasta quando l’impiattate.
  4. Evitare la pasta lunga. La pasta alla  norma si prepara con la pasta corta, come rigatoni, penne, ma non spaghetti o linguine. Inoltre durante la cottura fate attenzione.
  5. Melanzane grigliate. C’è chi vuole rendere più leggera la pasta alla norma e sceglie di grigliare le melanzane, non è sbagliato farlo ma se volete servire la tradizionale pasta alla norma le melanzane devono essere rigorosamente fritte. Inoltre non garantirete lo stesso risultato.
  6.  Pomodori freschi. Per la pasta alla norma va utilizzato il sugo di pomodori e non pomodori freschi.
  7. Non seguire la ricetta originale. Seguite passo la ricetta di riferimento, se volete stupire tutto potete seguire la ricetta, cliccando qui.

….e le varianti? Non è sbagliato seguire le ricette alternative, nessuno lo vieta. Il nostro consiglio è di seguire passo passo la ricetta della pasta alla norma se volete servire quella. Se invece volete servire una variante non la chiamate la pasta alla norma classica!

Alcune varianti che molti preferiscono e grattugiare il caciocavallo sulla pasta e non solo unire al sughetto di pomodori capperi e acciughe. Non solo c’è chi trova più appetitosa la ricotta salata infornata.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post