Come pulire il top della cucina: scopri il trucco facile e veloce

Novembre 11, 2020Virgilia Panariello
Pulire top cucina

Il top della cucina deve essere sempre pulito e igienizzato, ma come si può quando c’è poco tempo a disposizione? Scopri il trucco facile e veloce.

La cucina è la stanza della casa dove si preparano e il più delle volte si consumano le pietanze. L’ordine e la pulizia della stanza e delle superfici di lavoro è importante visto che si manipolano gli alimenti. In particolar modo bisogna porre attenzione alle superfici, top da lavoro che sono sempre i protagonisti quando ci si cimenta nella preparazione di pietanze. La pulizia costante è importante per lavorare in tutta sicurezza per evitare eventuali contaminazioni. L’igiene è fondamentale, dovete porre attenzione anche all’utilizzo di prodotti naturali e poco aggressivi così da proteggere  le superfici.

Piccoli suggerimenti e consigli da seguire per pulire il top della cucina, così da averlo sempre pulito e igienizzato.

Perchè è importante pulire il top della cucina?

Pulire top cucina
Top cucina Foto:Adobe Stock

Il top della cucina deve essere sempre pulito e ordinato così da poter preparare le pietanze con tutta tranquillità. E’ importante pulire a fondo la cucina, si dovrebbe fare con regolarità, come il resto della casa, quindi l’igiene è fondamentale. Il top o piano da lavoro deva pulito dallo sporco che purtroppo si annida, pensate a quando preparate una pietanza a base di sostanze grasse. Se non si pulisce bene si rischia di contaminare gli alimenti che utilizzerete successivamente. Inconsapevolmente si commettono quotidianamente degli errori durante la preparazione delle pietanze. Basti pensare dopo avere preparato un dolce una torta rustica o maneggiato uova , pane o verdure, dovete subito pulire. La contaminazione indiretta è la principale contaminazione che può avvenire in cucina. Purtroppo sulle superfici possono essere presenti dei microrganismi che possono trasferirsi su altri alimenti o utensili che utilizzerete per la preparazione di nuove pietanze.

Come pulire il top della cucina: ecco il trucco

Pulire top cucina
Pulire top cucina Foto:Adobe Stock

Il top della cucina si deve pulire ogni giorno e dopo aver preparato le pietanze, così da eliminare ogni traccia. Per la pulizia potete utilizzare sia i normali detergenti che utilizzate per le pulizie delle piastrelle. Prediligete sempre prodotti naturali che proteggono il top, perchè non tutti i top sono realizzati con lo stesso materiale. Alcuni devono essere trattati con prodotti specifici, mentre altri no. In alternativa potete utilizzare dei prodotti naturali che avete sicuramente a casa come, aceto di vino bianco, bicarbonato e limone. Innanzitutto va fatta una precisazione che si deve pulire prima di lavare con acqua e detergenti. Basta utilizzare  della carta assorbente, in questo modo eliminerete ogni residuo di cibo, come briciole, residui di carne e verdure.

Adesso vediamo nello specifico come pulire il top della cucina, non si può fare un discorso generale, perchè ogni materiale va pulito con prodotti specifici.

1- Laminato: delicato come piano da lavoro. Potete pulire con acqua e alcool o detergenti delicati adatti a questo materiale. Evitate detergenti aggressivi che contengono sostanze acide. Pulite con spugne o panno morbido e non spugne abrasive, perchè il materiale è suscettibile a graffi. Provate anche con del sapone di Marsiglia che mettete in una bacinella dell’acqua calda con un pò di sapone. Lavate più volte e poi asciugate con un canovaccio di cotone.

2- Acciaio: materiale più facile e resistente, l’aceto è la soluzione ideale. Diluitelo in acqua calda e poi pulite con un panno morbido, noterete non solo che sarà pulito ma anche brillante. A differenza di altri top,  l’acciaio è un materiale resistente, pratico, igienico e si pulisce senza difficoltà.

3- Marmo e granito: il detergente perfetto naturale è il bicarbonato, infatti vi permetterà di pulire e soprattutto sgrassare in profondità. Mettete in una bacinella mettete acqua calda con un pò bicarbonato. Per mezzo litro di acqua occorre metà cucchiaino di bicarbonato, poi unite due cucchiai di alcol e un po’ di sapone di Marsiglia liquido. Mescolate e immergete un panno in microfibra e pulite più volte la superficie. Il bicarbonato è la soluzione perfetta non solo per la pulizia ma anche per eliminare anche eventuali cattivi odori.

4- Quarzo o vetro: materiali molto delicati perchè si possono facilmente danneggiare, infatti se si usano detergenti granulosi si possono creare graffi. Inoltre dovete sempre asciugare bene con un panno di cotone per evitare che possano rimanere dei pelucchi. Mettete in una bottiglia con spray un pò di acqua e aceto e poi agitate. Spruzzate direttamente sulla superficie in vetro e pulite con un panno morbido. Procedete ad asciugare con un panno in cotone. Invece nel caso specifico del quarzo potete anche utilizzare il classico detergente per stoviglie. Una volta a settimana, potete procedere con una soluzione di aceto e bicarbonato, poi sciacquate con acqua tiepida. L’unica accortezza è di non lasciare gocce di acqua perchè potrebbero formarsi le macchie di calcare.

Pulire top cucina
Cucina pulita Foto:Adobe Stock

Trucchi da mamma

La mancata pulizia del piano da lavoro non solo può determinare contaminazioni, ma anche incrostazioni, che poi saranno difficili da rimuovere. Quindi il consiglio utile, così da avere un top da cucina sempre pulito e igienizzato, è pulirlo dopo ogni utilizzo, facendo attenzione ai prodotti che scegliete.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post