Semifreddo perfetto? Evita questi errori e il successo è assicurato

semifreddo
Canva photo

Il tuo semifreddo non ti soddisfa? Troppo duro o troppo liquido? Stai commettendo questi errori comuni. Scopri dove sbagli e come evitarli.

Se anche tu sei solito preparare in casa il semifreddo ma non sei pienamente soddisfatto del risultato, ecco gli errori che stai commettendo! Scoprili insieme a noi di mamme in cucina.  Solo conoscendoli potrai realizzare delle ricette impeccabili a prova del miglior pasticcere.

Semifreddo perfetto: ecco gli errori da evitare

Ultimamente e’ sempre più comune cimentarsi nella preparazione di dolci fatti in casa, potendo così scegliere personalmente le materie prime da utilizzare. Ma molto spesso, non conoscendo le basi della pasticceria, e come lavorare correttamente gli ingredienti che fanno parte di una ricetta, rischiamo di vanificare tutti gli sforzi fatti per la realizzazione di un dolce. Non essendo pasticceri esperti è normale non essere a conoscenza di passaggi fondamentali. Il semifreddo infatti è un dolce che troviamo spesso nei banconi delle pasticcerie e nonostante si consuma direttamente dal congelatore (tra i -8° e -16°) rimane sempre morbido, spumoso e ricco di aria.

Semifreddo cioccolatoso con soli 3 ingredienti,
(Adobestock photo)

Infatti il semifreddo perfetto dovrà essere freddo e morbido al contempo. E’ caratterizzato da più preparazioni.  Preparazioni che non possiamo e non dobbiamo trascurare altrimenti la riuscita sarà pessima, avendo come risultato un composto duro e rigido impossibile da mangiare al cucchiaio. Insomma un vero disastro!  Ecco quindi elencati gli errori da evitare per un ottimo semifreddo.

  1. Non rispettare le temperature: Per la realizzazione di un semifreddo perfetto la prima cosa da rispettare sono proprio le temperature. Partendo da quella della cucina, che è preferibile sia tra i 18° max 20°, quello della panna che prima di essere montata deve essere freddissima (vi consigliamo di metterla un quarto d’ora prima in freezer) e quello delle uova montate (base meringa italiana, base crema inglese o base patè a bombe) che dovra essere tra i 20° ma 25° e l’ultima ma non meno importante è la velocità con cui farete abbassare la temperatura al semifreddo finito. Una volta pronto infatti dovrà subito essere messo in congelatore, per abbassare la temperatura nel minor tempo possibile.
  2. Quantità  e uso dello zucchero errata: Nel semifreddo lo zucchero deve sempre essere trasformato in sciroppo. Non rispettare il giusto bilanciamento dello zucchero e fare ad occhio potrebbe rivelarsi un errore fatale nel vostro semifreddo. Perchè lo sciroppo di zucchero è fondamentale? Perchè dona struttura al dolce ed essendo anticongelante non farà ghiacciare il semifreddo. Trascurando questo passaggio la resa sarà pessima.
  3. Cottura non adeguata delle uova: Le uova che siano sotto forma di meringa, crema inglese, pasticcera o patè a bombe devono essere fresche o pastorizzate. Donano cremosità  e rallentano la cristalizzazione. Capirete quindi di quanto siano fondamentali per la giusta riuscita del dolce. La cottura deve essere perfetta ed è estremamente consigliato munirsi di un termometro. Un uovo poco cotto rimarrà più liquido e pesante rispetto agli altri ingredienti e scenderà sul fondo dello stampo, mentre un uovo troppo cotto coagulerà ecessivamente formando dei grumi e separandosi dalla preparazione. Per evitare questi errori dovrete avvalervi di un termometro.

Solo osservando queste regole basi e conoscendo questi errori fatali potrete realizzare un ottimo semifreddo in casa. Servitelo ad una temperatura tra i -10° e -15° e il successo sarà assicurato!