Dalla Sicilia ☀️ con furore: i piparelli da gustare a merenda, segui la ricetta facile 🙈 sono di una bontà indescrivibile

    Prepariamo insieme i piparelli siciliani? Biscottini croccanti e deliziosi, da intingere nella malvasia per un dopocena sfizioso e davvero buono!

    Noi di Mammeincucina adoriamo la Sicilia: l’isola del Sole, dell’accoglienza e ovviamente di tante tradizioni culinarie strepitose. Dai cannoli tipici ripieni di ricotta e gocce di cioccolato, alle cassate morbide agli iris fritti, potremmo stare ore ed ore ad elencare tutte le bontà siciliane presenti nei vari ricettari. Un popolo che deve molto alla terra, all’agricoltura e alla coltivazione di verdure, difatti ancora oggi sono tanti i contadini che producono e rivendono, per un rapporto singolare tra venditore e cliente.

    piparelli
    Adobestock photo

    Basta entrare in uno dei tanti mercati rionali di paese o città per rendersi conto di quanto le tradizioni, nonostante la modernità, siano ancora rimaste pressoché intatte: i formaggi vengono esposti come trofei per far venire l’acquolina in bocca, i pesci pescati di buon mattino vengono posti in file sui banconi e il profumo di mare è inebriante.

    Insomma, Sicilia è amore, arte e gusto! Proprio per questo oggi vogliamo proporvi la ricetta dei piparelli messinesi, direttamente dalla città di Messina. Sono biscottini antichi, che ancora ad oggi vengono profumati con il pepe fresco, nero e macinato. Una bontà indescrivibile! Perché non li prepariamo insieme?

    La ricetta dei piparelli messinesi: buoni da far paura, croccanti e delicatissimi

    Proprio così, i piparelli messinesi hanno diverse sfaccettature: croccanti, dal sapore intenso e forte ma allo stesso tempo delicato, sono facilissimi da preparare e piacciono a tutti, persino ai bambini.

    piparelli siciliani
    Adobestock photo

    La tradizione messinese vuole che vengano gustati con un buon amaro dopo un pasto abbondante oppure intinti nella più famosa malvasia siciliana, dal sapore secco che bilancia i sapori. Ma perché piparelli? In realtà il nome sembra derivare sia dall’uso del pepe nero, sia dalle cotture lente al di sopra di stufe a legna, che tendevano a sbuffare appunto come pipe. Vogliamo prepararli insieme?

    Ricetta per circa 30/35 piparelli

    Tempi di preparazione: 20 minuti

    Tempi di cottura: 40-45 minuti

    Tempo totale: 60-65 minuti

    Ingredienti:

    • 1 kg di farina 00;
    • 200 gr di miele millefiori;
    • 300 gr di zucchero;
    • 250 gr di mandorle intere;
    • 2 cucchiaini abbondanti di pepe nero macinato;
    • 1 cucchiaino di cannella;
    • Scorza grattugiata di 1/2 arancia;
    • 100 gr di strutto;
    • 1/2 bustina di ammoniaca per dolci;
    • 1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere;
    • 1 uovo grande;
    • Acqua q.b.

    Preparazione

    1. Non fatevi ingannare dalla presenza dei tanti ingredienti perché i piparelli messinesi si preparano in un attimo: noi vi insegniamo il procedimento in planetaria, ma potrete seguire gli stessi passaggi lavorando a mano il tutto.
    2. Versiamo nella ciotola di una planetaria la farina, creiamo in centro una sorta di fontanella e uniamo lo zucchero, il miele, il pepe, la cannella, la scorza d’arancia, metà dose di strutto, l’ammoniaca per dolci, i chiodi di garofano, circa 3 cucchiai di acqua e procediamo a mescolare.
    3. Facciamo lavorare a dovere la planetaria e man mano che il composto si addenserà agglomerandosi aggiungiamo il restante strutto. La quantità d’acqua è relativa, dovremo capire in base alla consistenza della lavorazione quanta aggiungerne. Ricordiamoci però che l’impasto dovrà risultare sodo e malleabile.
    4. Quando otterremo un panetto liscio, omogeneo e lavorabile con le mani spostiamolo su un piano da lavoro, stendiamolo formando un rettangolo e aggiungiamo le mandorle intere, lavorandolo nuovamente affinché si distribuiscano uniformemente al composto.
    5. Lasciamolo riposare una decina di minuti, dopodiché creiamo dei filoncini larghi circa 5 cm e abbastanza lunghi. Cuociamo in forno preriscaldato/statico/170° per 30 minuti.
    6. Sforniamo e facciamo intiepidire. Quando i filoncini saranno ancora un po’ caldi tagliamoli a fettine diagonali e disponiamo i biscotti ottenuti su un’altra teglia rivestita di carta da forno. Spennelliamo su ognuno l’uovo sbattuto per poi cuocere nuovamente in forno preriscaldato/statico/150°/15-20 minuti.
    7. Durante la cottura dovremo girare i piparelli affinché risulti uniforme. I nostri biscotti saranno pronti quando avranno assunto una colorazione bruna e una consistenza croccante. Serviamoli quando saranno completamente raffreddati e gustiamoci una bontà siciliana pazzesca!

    Trucco da mamma:

    I piparelli, essendo per natura ben cotti, si conserveranno un po’ più a lungo rispetto a un comune biscotto, tuttavia vi consigliamo di riporli in una scatola di latta oppure un contenitore con chiusura ermetica, saranno croccanti e fragranti fino a 10 giorni!

    INGREDIENTI