Crostata di marmellata morbida con la ricetta della nonna

Marzo 23, 2021Francesca
Crostata di marmellata

Prep time: 45 minuti

Cook time: 30 minuti

Serves: 8 persone

Scopri come preparare in casa una crostata di marmellata morbida, proprio come quella che faceva la nonna.

E’ il classico dei classici, tra i primissimi dolci con cui ogni appassionata di cucina si confronta e tra le ricette con più varianti in circolazione.

Stiamo parlando della crostata di marmellata, una vera e propria bontà con cui le nonne ci hanno da sempre deliziato. Loro sì che riuscivano a realizzarla in modo perfetto: biscottata sotto, con il giusto livello di marmellata e, soprattutto, morbida.

Tra i più comuni problemi che si affrontano preparando una crostata c’è infatti la sua morbidezza: quante volte addentandola vi siete trovate di fronte a una tavoletta di marmo?

Be’ da oggi non accadrà più: vi sveliamo infatti la ricetta della nonna con un ingrediente segreto che farà la differenza.

Seguici su Instagram
Visualizza Layout Stampa
Stampa Ricetta
Chiudi Stampa

Ricetta crostata di marmellata morbida

  • Tempo preparazione: 45 minuti
  • Tempo di cottura: 30 minuti
  • Tempo totale: 1 ore 15 minuti
  • Dosi per: 8 persone

Scopri, passo passo, la ricetta per preparare una crostata di marmellata buona e morbida come quella della nonna

Ingredienti

  • 350 g farina 0
  • 50 g maizena, amido di mais
  • 200 g burro
  • 200 g zucchero
  • 4 uova
  • 4 cucchiai marmellata

Preparazione

  • 1)
    Burro e farina
    (foto di Francesca Testa)

    Iniziamo naturalmente preparando la frolla.

    Il segreto di questa ricetta risiede infatti nel sostituire 50g di farina con 50 di maizena (o amido di mais) cosa che aiuterà la morbidezza del risultato finale. Il procedimento è ovviamente sempre lo stesso, quello che vi avevamo spiegato in Pasta frolla perfetta, la ricetta impeccabile e golosa del maestro Iginio Massari.

    Noi consigliamo di procedere con burro freddissimo, tagliato a cubetti e da amalgamare con farina e uova precedentemente sbattute con lo zucchero.

    La frolla va lavorata poco quindi, non appena il composto si amalgamerà formando la tipica palla, fermatevi, coprite con cura e mettete in frigorifero per almeno mezz’ora.

  • 2)
    Pasta frolla
    (foto di Francesca Testa)

    Quando la frolla sarà ben fredda tiratela fuori dal frigo e dividetela. 2\3 li useremo per la base e il restate terzo per le strisce.

    Ricordate che la parte che useremo per la base ci servirà anche per formare il bordo della nostra costretta: andrà quindi ben gestito.

  • 3)
    Base frolla
    (foto di Francesca Testa)

    Eccoci ora all’altro trucco che vogliamo insegnarvi: quante volte vi è capitato di rompere la base della crostata trasportandola dal piano di lavoro allo stampo?

    Per evitare questo inconveniente basterà stendere la pasta su un foglio di carta forno, porvi poi sopra lo stampo e scaravoltare il tutto. Tolta la carta forno avrete la vostra base perfetta.

    Non resta ora che rifinire con cura i bordi, rendendoli più o meno spessi a seconda del vostro gusto personale.

  • 4)
    base frolla
    (foto di Francesca Testa)

    Ora è il momento di una primissima cottura. Non c’è infatti nulla di peggio di una crostata in cui la marmellata  ha cotto eccessivamente a lungo trasformandosi in gomma.

    Rimettiamo allora la carta forno sulla base, riempiamola di fagioli secchi e facciamo cuocere in forno minimo 20 minuti.

  • 5)
    Crostata
    (foto di Francesca Testa)

    Dopo questa prima cottura possiamo farcire con la marmellata e disporre sopra le strisce decorative che potranno esser più o meno spesse e più o meno fitte, a seconda del gusto personale.

    Qualora avanzasse la frolla potrete divertirvi a creare decorazione aggiuntive come piccoli fiori, bottoni o tutto ciò che la fantasia saprà dettarvi.

    Quando la crostata sarà di vostro gradimento potrete spennellare la pasta con il bianco delle uova e mettere in forno per altri 15 minuti.

    La crostata è pronta, fate freddare prima di servire.

Trucco da mamma

Ricordate che la frolla può anche esser realizzata e conservata in freezer, a patto di coprirla per bene: un modo intelligente per averla sempre a disposizione.

Nutrition

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Recipe Next Recipe