La parmigiana di melanzane è secca o troppo brodosa? Ecco cosa hai sbagliato

Dicembre 25, 2020Virgilia Panariello
Melanzane

Hai preparato la parmigiana di melanzane ma è poco condita o troppo unta?  Sicuramente qualcosa non è andato durante la preparazione, scopriamo cosa.

Come si può rinunciare ad una fetta di parmigiana di melanzane perfetta? Ma può accadere che dopo che vi siete dedicate del tempo ai fornelli a preparala non siete per nulla soddisfatte del piatto realizzato. Ma vi siete chieste mai cosa avete sbagliato? Non è poi così difficile capire, soprattutto se non avete fatto tutto frettolosamente.

La parmigiana di melanzane è un piatto tipicamente della tradizione culinaria italiana che piace a tutti, si prepara in modi diversi ormai. Nel corso degli anni si sono trovati diverse varianti, infatti spesso rivisitata e reinterpretata un po’ da tutti, ma a volte si cade in errori che possono compromettere il risultato. Cerchiamo di capire quali sono i principali errori da evitare, così da servire una parmigiana di melanzana perfetta.

La parmigiana di melanzane è secca o troppo brodosa? Ecco gli errori da evitare

La parmigiana è un contorno classico della tradizione culinaria italiana, che piace a tutti, si prepara in modi diversi, ma spesso si commettono errori che possono compromettere il risultato finale.

Melanzane
Foto:Adobe Stock

Cerchiamo di capire quali sono i comuni errori da evitare così da porre attenzione durante la preparazione.

 

  1. Scelta sbagliata delle melanzane: non tutte sono adatte alla preparazione della parmigiana. Quelle consigliate sono quelle siciliane, particolari per la lunghezza e hanno la polpa soda.
  2. Taglio sbagliato: per la parmigiana di melanzane è necessario tagliare fette sottili e non spesse, lo spessore consigliato è di circa 1 cm. Se saranno troppo spesso si rischia che non si cuoceranno bene, aiutatevi con la mandolina per un taglio a dir poco perfetto.
  3. Non far perdere acqua: le melanzane dopo il taglio non vanno cucinate subito, si rischia di assaporare l’amarognolo, allora procedete in questo modo.  Tagliate a fette e mettete in una ciotola distribuendo del sale grosso, così da perdere la parte liquida più velocemente. Lasciatele  per un’ora e poi prima di cucinarle le asciugate bene con carta assorbente da cucina.
  4. Grigliare: talvolta si preferisce grigliarle e non friggere per un contorno più salutare e leggero, ma la classica parmigiana di melanzane prevede la frittura.
  5. Fretta nella cottura: la cottura deve essere perfetta se volete portare a tavola un piatto perfetto. Le melanzane si friggono in padella con olio caldo, si deve garantire una cottura omogenea e perfetta a fiamma media, inoltre non mettete troppe fette in padella per evitare di far raffreddare l’olio e di conseguenza la frittura non sarà perfetta.
  6. Non asciugarle: dopo la frittura dovete far assorbire l’olio in eccesso. Basta mettete su un piatto la carta assorbente da cucina e lasciate asciugare bene.
  7. Latticino non adatto: per farcire la parmigiana c’è chi preferisce la mozzarella, chi la provola, ma il segreto sta nel far liberare quanto più latte è possibile dal latticino. In questo modo si eviterà che l’acqua possa rendere molle le melanzane.
  8. Poco sugo: la parmigiana c’è chi la preferisce al pomodoro chi bianca, ma se decidete di farla al sugo di pomodoro ricordate di cuocere prima la passata di pomodoro e non la polpa e poi non siate parsimoniosi.
  9. Teglia sbagliata: scegliete innanzitutto una teglia che garantirà una cottura omogena e non solo adatta alla capacità delle melanzane.
  10. Farcitura errata: ricordate che per una parmigiana di melanzane si procede in questo modo. Mettete olio o burro in teglia per evitare che le melanzane possano attaccarsi, ma va benissimo anche il sugo di pomodoro. Procedete con uno strato di melanzane, poi latticino scelto, di nuovo sugo, formaggio grattugiato. L’ultimo strato terminate con il parmigiano e non con il latticino. Ma se la volete più ricca potete anche aggiungere delle fettine di prosciutto cotto.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post