Pane senza lievito zero fatica: scopri subito come realizzarlo in casa!

Pane senza lievito zero fatica
Pixabay photo

Non hai voglia di attendere i tempi di lievitazione? Niente paura, perché il pane si può fare anche senza lievito, oggi ti proponiamo abili trucchetti per far fermentare il pane in maniera semplicissima, sbizzarrisciti a sperimentali tutti.

Il pane è uno degli alimenti immancabili sulle tavole degli italiani, nessuna di noi può rinunciare ad una fetta di pane, tostato, fresco, accompagnato da un secondo piatto prelibato, o per concederci la deliziosa “scarpetta”, oggi potrete portarlo a tavola senza attendere i tempi di lievitazione, vi sveliamo delle abili mosse per realizzare del pane senza lievito, una con tempi di riposo e le altre due molto veloci e gustose. 

Pane senza lievito: ecco le irrinunciabili alternative

Se vi state chiedendo come preparare del buon pane fatto in casa, profumato e fragrante oggi vi spiegheremo come prepararlo, fatto in casa, senza lievito. Ci sono alcuni consigli dei quali non potrete più fare a meno. Andremo a scoprire la preziosità del bicarbonato di sodio, ma anche la fermentazione spontanea, per dar vita a diverse tipologie di pane, da leccarsi baffi e da congelare per poi utilizzare all’occorrenza. Che aspettate? Iniziamo subito a scoprire i trucchi.

Pane a fermentazione spontanea, tempi di riposo ma senza lievito

Come prima cosa parleremo del pane a fermentazione spontanea, ormai molto in voga, senza l’aggiunta del lievito, abbiamo bisogno semplicemente di 450 g di farina tipo 0 oppure zero 00, 100 g di farina integrale o semi integrale, 330 g di acqua, 10 g di sale e 10 g di malto, potete utilizzare in alternativa il miele o lo zucchero, molto semplicemente.

celiachia
Foto da Unsplash

A questo punto, come siete solite fare per la preparazione dei panificati, mescolate tutti insieme gli ingredienti e iniziate ad impastare fino ad ottenere una palla omogenea e liscia, lasciatela riposare solo per 30 minuti, e dopo un’altra mezz’ora inizierete a fare delle pieghe lasciando fermentare l’impasto per almeno 20 ore ad una temperatura di 25°. Potete tranquillamente preparare il panetto il giorno prima per il giorno dopo. Il giorno dopo non vi resterà che infornarlo dopo aver fatto le ultime pieghe di rinforzo, lasciarlo riposare un’altra oretta, e sarà pronto per essere infornato.

Dividete l’impasto in due e lasciate cuocere i vostri filoni di pane a 250°, per circa una quarantina di minuti. Il pane è pronto.

Pane senza lievito, con bicarbonato di sodio

Avete mai preparato il pane con il bicarbonato? Beh oggi parliamo di un pane senza lievito con della farina di farro e una bevanda vegetale preziosissima: il latte di soia. Abbiamo bisogno di 400 g di farina di farro, un cucchiaino colmo di bicarbonato di sodio, un cucchiaio di sciroppo di riso o di cocco, un pizzico di sale e 230 ml di bevanda vegetale di soia senza zucchero o altra bevanda sempre senza zuccheri aggiunti come avena o grano saraceno, infine due cucchiai di aceto di mele. 

Ora basta cuocere il filone di pane, dapprima impastato (tutti gli ingredienti insieme) in forno ventilato per i primi 10 minuti per poi passare alla modalità statica coprendo il filone di pane con un foglio di carta stagnola. Trascorsa una mezz’oretta abbassate la temperatura a 170° e continuate per altri 5 minuti. Il tempo di cottura si aggira attorno ai 35 minuti, lasciate raffreddare e tagliate le vostre fette.

Piadina veloce e gustosa senza lievito

Voglia di una piadina veloce per pranzo, pronta da farcire? Ecco qui la ricetta della nostra piadina. Abbiamo bisogno di 1 kg di farina semi integrale, 110 g di olio extravergine d’oliva, 100 g di latte, 310 g di acqua, 17 g di sale e un cucchiaino di bicarbonato di sodio.

piadina
Foto:Adobe Stock

Ora versate a fontana tutti gli ingredienti e mettete al centro l’olio, il sale, il bicarbonato. Impastate aggiungendo tutti i liquidi che dovranno essere rigorosamente tiepidi e iniziate a realizzare il vostro impasto, lasciate riposare per una mezz’oretta, dividete l’impasto in sei o otto parti e cuocete in una teglia oppure in una pentola antiaderente.