E’ avanzato del pane e non sai cosa fare? Scopri i trucchi per riutilizzarlo

Aprile 1, 2021Virgilia Panariello
Pane avanzato

Sapete come riutilizzare il pane avanzato? Ecco qualche idea, così da evitare sprechi, ricordate non si preparano solo bruschette!

In cucina bisogna sempre fare attenzione ed evitare sprechi, lo spreco alimentare è una problematica che riguarda tutto il mondo. Non sempre si presta attenzione, la conservazione sbagliata degli alimenti o l’acquisto eccessivo di cibi, solo perchè li troviamo in offerta al supermercato, possono farci commettere errori. Si sa che difronte al cibo andato a male non che si possa fare gran che. Ci sono alcuni alimenti che si possono recuperare e dare vita a nuovi piatti, come accade con il caffè avanzato. Basta saperlo riutilizzare anche per preparare un liquore, scopri qualcosa in più a riguardo.

Capita anche con il pane, chi non riesce a rinunciare al pane fresco appena sfornato, ma a volte capita che non si mangia tutto, ma potete riutilizzarlo per preparare dei sfiziosi crostini o da metterlo nelle zuppe e minestre. Ma non volgiamo svelarvi nulla, ecco alcuni trucchi per riutilizzare il pane raffermo.

Come riutilizzare il pane avanzato

Accade di avere del pane che avete lasciato nel porta pane e non sapete come riutilizzarlo. Le nostre nonne avevano l’abitudine di riutilizzarlo sempre, evitando così sprechi, noi seguendo le loro orme vi sveleremo i trucchi per riutilizzare del pane raffermo o poco fresco.

polpette mortadella
Foto:Adobe Stock

Innanzitutto nessuno vi vieta di congelare il pane fresco rimasto, potete anche dividerlo in porzioni così scongelerete solo quello che vi occorrerà, così tirerete dal freezer quello che vi occorrerà al momento del bisogno. In alternativa ecco qualche idea per poter riutilizzare il pane avanzato.

1-Polpette di pane senza carne. Una ricetta perfetta da preparare quando non volete servire le polpette ne di carne ne di pesce. Per 2 persone occorrono i seguenti ingredienti: 100 g di pane raffermo, un uovo, 50 g di parmigiano reggiano o pecorino, sale fino e prezzemolo q.b. un pò di pan grattato, poi l’olio per la frittura. Basta ammorbidire il pane nel latte e poi strizzate, mettete in una ciotola e aggiungete l’ uovo, il formaggio grattugiato, un pò di sale, il prezzemolo lavato e tagliato finemente e  lavorate bene con una forchetta e poi procedete con le mani, così da amalgamare bene il tutto. impanate nel pan grattato e friggete in una padella con olio di semi di arachide e poi servite. Ma potete evitare la frittura e cuocere in forno.

2-Crostini all’olio extra vergine di oliva. Una buona soluzione perfetta così da potere sgranocchiarli ogni volta che vorrete oppure per accompagnare zuppe e minestre. Bastano pochi minuti per prepararli.  Occorre il pane raffermo, un pò di rosmarino, origano, sale fino e dell’olio extra vergine di oliva. Dopo avere tagliato il pane a dadini, mettete in una padella antiaderente un filo di olio extravergine di oliva, il rosmarino, l’origano e un pò di sale distribuite i dadini di pane e lasciate per pochi minuti, girate di tanto in tanto. Ma se preferite potete farlo nel forno direttamente, basta mettere su una leccarda della carta forno e condite con olio extra vergine di lasciate cuocere a 200° per 10 minuti oppure non appena saranno dorati, li togliete e li lasciate raffreddare e teneteli in un contenitore a chiusura ermetica.

3-Pan grattato. Il classico modo per riutilizzare il pane raffermo.  Si prepara in pochissimo tempo, perfetto per impanare carne, polpette e tanto altro. Tagliate il pane a cubetti, trasferite in un robot da cucina e sminuzzatelo con le lame, prolungate se preferite una consistenza più fine o viceversa. Lo potete conservare così e speziarlo al momento se volete, dipende comunque dalla ricetta!

4- Bruschette. Una preparazione evergreen della cucina, perfette da servire come antipasto ogni volta che lo desiderate. Le bruschette le potete condire come preferite con un filo di olio extra vergine di oliva, con del pomodoro o verdure grigliate e del formaggio. Basta tagliare a fettine, ma non troppo sottili, con uno spessore di 1 cm e distribuite su una leccarda da forno e lasciate cuocere in forno a 200° per pochi minuti. In alternativa potete cuocere su una piastra.

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Post Next Post