Voglia di un’insalata di calamari e patate perfetta? Devi evitare assolutamente questi errori

calamari e patate
(Adobestock photo)

Vuoi servire un’insalata di calamari e patate perfetta? Devi porre attenzione non solo alla preparazione ma anche alla scelta degli ingredienti. Ecco i comuni errori da evitare.

Un piatto fresco ed estivo ma che si può gustare tutto l’anno, stiamo parlando dell’insalata di calamari e patate. Una ricetta di facile preparazione, ma bisogna sempre porre attenzione per evitare di commettere errori che potrebbero renderlo imperfetto. L’insalata di calamari e patate è un piatto versatile che si può servire come secondo piatto oppure come antipasto per aprire il pranzo o la cena a base di pesce. Visto che si può gustare sempre allora è opportuno non farsi trovare impreparati, scopriamo i possibili errori da evitare.

Insalata di calamari e patate: errori da evitare

In cucina si sa che l’errore è sempre nascosto dietro l’angolo, quindi è necessario prestare attenzione così da evitare di rovinare un piatto. Se adori i calamari fai attenzione quando prepari la calamarata, ecco alcuni errori da evitare!

calamari ripieni
(Canva photo)

Scopriamo i possibili errori che si commettono quando si decide di preparare un’insalata di calamari e patate.

-Calamari non freschi. Recatevi sempre dal pescivendolo di fiducia quando acquistate i calamari per essere sicuri che siano freschi e non decongelati. Odorateli, dovrete percepire l’odore di mare. Poi passate all’osservazione, il calamaro deve avere un colore intenso, la parte bianca deve essere molto lucida e brillante, i tentacoli devono essere sodi

-Cucinare tutto insieme. Spesso si commettere questo errore, ma è necessario cuocere separatamente le patate e i calamari, perchè i tempi di cottura sono diversi.

Pulizia superficiale dei calamari. Per evitare spiacevoli inconvenienti potete far pulire i calamari al vostro pescivendolo. In caso contrario fatelo voi a casa, ecco come, cliccate qui.

-Cottura dei calamari prolungata. I calamari dopo la pulizia vanno tagliati a rondelle e cotti in una pentola con acqua bollente salata per circa 5 minuti. Scolateli e lasciateli  raffreddare per bene. Se prolungate la cottura i calamari possono diventare gommosi e poco gradevoli all’assaggio.

-Attenzione alla varietà delle patate. In natura come tutti sappiamo ci sono diverse patate, non tutte adatte alla cottura in acqua. Si perchè per preparare questa ricetta le patate vanno bollite in acqua. Quindi dovreste optare per le patate a pasta gialla perchè sono meno farinose ma più compatte quindi reggono meglio la cottura.

-Cuocere le patate senza buccia. Va assolutamente evitato, le patate assorbiranno troppa acqua quindi sbollentatele in acqua con la buccia e dopo mezz’ora circa scolate e sbucciate( ecco il trucco per farlo senza scottarsi le mani). Procedete poi a tagliare a tocchetti.

limone
Pixabay photo

-Condire troppo tempo prima. Dopo avere cotto i calamari e patate non potete condire molto tempo prima di servire. Magari il trucco sta nel conservare tutto in frigo separatamente. Mettete in due ciotole o contenitore separati i calamari e patate e coprite con coperchio e lasciate in frigo. Mezz’ora prima di servire condite con olio extra vergine di oliva, il succo di limone e sale , spolverizzate con prezzemolo, mescolate e poi servite.

-Lesinare con il condimento. Certo che non potete condire con poco limone e olio, per mezzo kg di calamari occorre un limone per condire e non di meno.

Prestate sempre attenzione così da poter servire un piatto perfetto, inoltre se volete preparate i calamari al limone, 3 ingredienti e 10 minuti porterete a tavola questo secondo piatto.