Protagonista delle feste, la stella di Natale ⭐ non può mancare in casa: solo se fai così durerà più a lungo 😃

Scopri come prenderti cura della tua stella di Natale per farla durare più a lungo. Le dritte che ti torneranno utili.

Se anche tu ami il Natale e tutto ciò che lo riguarda, sarai sicuramente tra coloro che amano ricevere o acquistare per se le famose stelle di Natale. Queste piante, sono infatti in grado di far crescere l’atmosfera di festa, portando colore e allegria in ogni ambiente.

stella di natale conservazione
(mammeincucina photo)

Quel che molti non sanno è che, al di là del nome, si tratta di piante che con le giuste accortezze possono durare ben oltre il periodo natalizio. Tutto sta nel sapere dove tenerle e nel prestare loro le giuste cure. Se l’idea di far durare più a lungo la tua stella di Natale ti stuzzica, sei nel posto giusto. Oggi, infatti, ti sveleremo come fare. In questo modo, potrai tenere con te un po’ dell’aria di festa anche quando il periodo si sarà ormai concluso.

Stella di Natale: ecco come conservarla a lungo

La stella di Natale è una pianta molto delicata e che per questo motivo necessita di svariate cure. Una volta messe in atto quelle giuste, sarà però possibile poter godere della sua bellezza molto più a lungo, prolungando così la sensazione di festa e di calore che è in grado di trasmettere da sempre.

stella di natale conservazione
(adobe stock photo)

Iniziamo quindi a capire come farla durare a lungo e partiamo dal dove tenerla. In inverno basta un luogo caldo e asciutto della casa. Questo può essere in cucina o in soggiorno. Ciò che conta è che tu sia in grado di garantire alla pianta le sue ore di buio. In genere gliene servono circa 12. Se è possibile, quindi, intorno alle sei di sera dovresti spostarla in una stanza dove non sei solita accendere la luce. La dispensa o il salotto (se in genere ti limiti a luci molto basse e non fino a tardi), possono andar bene.

L’importante è che la stella di Natale non sia esposta a spifferi o correnti d’aria. Per vivere bene e a lungo, necessita infatti della giusta quantità di calore. Dopotutto arriva da un clima caldo e non è abituata alle rigide temperature invernali.

Una volta trascorse le feste, potrai continuare a seguire queste regole e in estate, se sei in un luogo in cui fa caldo, potai addirittura sistemarla sul balcone o in terrazzo. Dovrai però far attenzione a trovarle sempre un posto riparato e senza spifferi e portarla dentro in caso di pioggia o di cattivo tempo. Agendo così sarai già a metà del traguardo.

Per raggiungere l’altra metà dovrai preoccuparti di come alimentarla e quindi di quanta acqua darle. La stella di Natale non necessita infatti di molta acqua ma al contempo non deve restare mai secca. L’ideale è far si che il terreno sia sempre appena bagnato e non asciutto ma neppure ricco d’acqua e umido. Inoltre è molto probabile che (come avviene anche per il basilico), questa pianta sia venduta in vasi davvero piccoli. Per farla crescere rigogliosa dovrai quindi rinvasarla. Per farlo ti conviene attendere la primavera e quando tutte le foglie saranno cadute. A questo punto dovrai potarla e rinvasarla usando ovviamente della terra di qualità.

Seguendo queste semplici regole potrai godere molto più a lungo della tua stella di Natale vivendo a lungo almeno una piccola parte delle atmosfere che tanto ti piacciono e tutto anche senza avere chissà quale pollice verde. I risultati ripagheranno di certo questi piccoli sforzi per vederla crescere e mantenersi in salute.