Carlo Cracco non ce la fa più 😢 e confessa: “Ho bisogno di…” 😮

Carlo Cracco di recente si è lasciato andare ad una rivelazione incredibile e inaspettata sulla sua vita privata. Ecco cosa ha detto.

Carlo Cracco ha una personalità travolgente: forte, tenace, duro quando serve, proprio questi suoi modi di fare probabilmente lo hanno reso un volto così amato della tv (e non solo un bravissimo chef stellato).

Carlo Cracco rivelazione
Mammeincucina Photo

Galeotto fu un 4 in pagella all’Istituto alberghiero di Recoaro Terme (a Vicenza): quell’insufficienza spinse suo padre a fargli comprendere il valore dell’impegno. Per farlo, lo spedì letteralmente nel ristorante Da Remo a Vicenza.

Quell’esperienza – la cui genesi è riconducibile ad una sorta di punizione – in realtà si rivelò per lui fondamentale: quello che imparò lì, insieme ovviamente a quello che aveva appreso durante gli anni scolastici, gli permise di approdare a soli 21 nel ristorante di Gualtiero Marchesi. 

Lì rimase per circa tre anni, fino a quando cioè il suo “mentore” gli intimò che se avesse voluto migliorare davvero, sarebbe dovuto andare almeno per un periodo all’estero.

Marchesi parlò e Cracco obbedì: lasciò repentinamente l’Italia per raggiungere la Francia. Dopo un periodo trascorso a Garlenda – in cui lavorò presso il Meridiana – si spostò a Parigi. Qui, dopo una breve ma intensa parentesi al fianco di Alain Ducasse, iniziò a lavorare nel ristorante di Alain Senderens, il Lucas Carton.

Qui accadde l’impensabile: Marchesi, accortosi dell’importanza del suo “allievo” per lui, volò fino alla capitale francese solo per chiedergli di tornare a lavorare con lui. Cracco rifiutò, ma dopo poco tornò comunque in Italia.

A quel punto iniziò per lui un’altra esperienza memorabile: quella presso l’Enoteca Pinchiorri, il tempio del vino italiano a Firenze. Sotto la sua “guida”, quel luogo già magico, riuscì a guadagnare ben tre stelle Michelin.

A quel punto la sua avventura lì poteva finire e così si recò a Milano dove la famiglia Stoppani gli propose di gestire un ristorante che potesse portare il suo nome. Da lì nacque il Cracco Peck, insignito di ben 2 stelle Michelin.

Il resto è storia: dai primi anni del 2000 ad oggi, lo chef ha guadagnato ben 7 stelle, ha aperto diversi locali in Italia e all’estero (ne ha uno anche a Mosca), è diventato una star della tv.

Fin qui tutto bene, se non fosse che Carlo Cracco di recente si è lasciato andare ad una dura e tristissima rivelazione.

La rivelazione incredibile di Carlo Cracco

La vita di Carlo Cracco è ricca di impegni, tra lavoro e famiglia. Lo chef, infatti, come abbiamo anticipato possiede diversi ristoranti e questo lo induce a viaggiare spesso, ma ha anche moglie e figli, un altro impegno non indifferente per lui.

Carlo Cracco rivelazione
Fonte: Pinterest

Sappiamo infatti che nel 2018 ha sposato la sua compagna di vita, Rosa Fanti, da cui ha avuto due figli, Pietro e Cesare, ma che in realtà da un precedente matrimonio aveva avuto anche due figlie, Sveva e Irene.

Di tempo libero quindi lo chef ne ha davvero pochissimo. Ma cosa gli piace fare nei pochissimi momenti in cui non è in cucina?

Nel frattempo inoltre lo chef ha raccontato anche un retroscena molto particolare sui suoi esordi.

A proposito di ciò che invece fa quando non lavora, lo stesso Carlo Cracco ne ha parlato, facendo a questo proposito una rivelazione inedita.

Lo chef ha infatti affermato: “Se stai in cucina devi stare tranquillo e concentrato. Quando esco ho bisogno di muovermi. (…) Se prendo un aereo mi leggo un libro in sei ore. Il movimento è una forma di sfogo dopo che hai finito qui, dove devi avere la testa su dieci cose contemporaneamente”.