Carlo Cracco non riesce più a trattenersi 😥: “Mancherà 😭 molto anche a me…”

Carlo Cracco in una recente intervista si è lasciato completamente andare ed ha ammesso finalmente cosa gli mancherà davvero.

Carlo Cracco è senza dubbio uno degli chef italiani più famosi, conosciuti ed amati in assoluto.

Carlo Cracco mancherà
Pinterest

Il merito è ovviamente della sua cucina, che lo ha portato ad essere apprezzato in tutto il mondo, a guadagnare premi e riconoscimenti (le sue 7 stelle Michelin parlano chiaro). Ma anche del suo talento come volto televisivo.

Dopo essere stato per anni un volto di MasterChef, infatti, il suo essere duro, deciso, ma anche ironico quando serve lo hanno fatto sbarcare direttamente su Prime Video con Dinner Club, un programma scritto da Magda Geronimo, Alessandro Saitta e Ugo Ripamonti e diretto da Riccardo Struchil e Caterina Pollini.

Lo scorso anno abbiamo potuto assistere alla prima edizione, ma sappiamo che la seconda è in programma per il 2023.

Chi saranno gli “ospiti” dello chef? Innanzitutto Luciana Littizzetto e Sabrina Ferilli – già presenti nella primissima edizione – poi  Antonio Albanese, Paola Cortellesi, Marco Giallini e Luca Zingaretti.

Quali saranno le mete scelte? La Sila in Calabria, la Romagna, il Sud Tirolo e la Sicilia.

Fin qui tutto bene, se non fosse che proprio di recente Carlo Cracco si è anche lasciato andare ad una confessione del tutto inaspettata, rivelando che c’è qualcosa che gli mancherà davvero tanto.

Carlo Cracco ammette: “Mi mancherà”

Di recente, Carlo Cracco è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport. Come si potrà facilmente dedurre, il motivo non è stata prettamente la cucina, ma il suo essere tifoso.

Carlo Cracco mancherà
Twitter Photo

Lo chef, infatti, è stato interrogato a proposito della demolizione di San Siro. Sappiamo infatti che lo stadio lascerà il posto ad uno nuovo, completamente rinnovato, che potrà contenere circa 60mila persone e comprenderà punti vendita e ristoro e spazi per accoglienza.

A questo proposito ha ammesso che gli sarebbe piaciuto che si fosse trovata una soluzione che potesse tenere conto della memoria del calcio a Milano: quando lo stadio è pieno, a detta sua, dà vita ad un vero spettacolo.

Parlando di questo, infatti, Carlo Cracco ha ammesso: “Mancherà anche a me, come a tutti i tifosi di Milan e Inter, ma anche ai simpatizzanti e amanti del calcio in tutta Italia. Però capisco anche che chi investe nel calcio ha la necessità di incassare, di avere introiti di un certo livello, senza i quali è impossibile resistere al top in Europa”.

Lo chef poi ha portato l’esempio di alcuni stadi all’estero, come il Bernabeu e Wembley. Ma ha anche affermato senza mezzi termini che lui, insieme a tutti i tifosi, si potrà adattare al cambiamento solo ad una condizione: che quello che sarà sia davvero più bello e non servirà solo a guadagnare di più.

Insomma, secondo lui questo rinnovamento deve servire perché il quartiere possa migliorare.

Non molto tempo fa comunque Carlo Cracco aveva anche ammesso cosa avrebbe fatto se non avesse fatto lo chef.

In ogni caso, la posizione dello chef sull’argomento troverà di sicuro l’appoggio di tantissime persone.