Mantenersi in forma la con la dieta Paleo: tutti quello che devi sapere se vuoi perdere peso

La dieta Paleo sta spopolando sul web, scopriamo se è davvero utile per perdere peso, ma ci sono anche i contro di questo regime alimentare.

Si sente parlare tantissimo delle dieta Paleo o Paleolitica, un regime alimentare ricco di verdure, frutta e proteine animali. In molte preferiscono seguire questa dieta, ma cerchiamo di capire quali sono i pro e i contro soprattutto se si segue per un tempo lungo.

dieta Paleo
(Canva photo)

La dieta paleolitica prende questo nome perché si adatta allo stile di vita dell’uomo primitivo, quindi include solo alimenti, ossia cibi naturali non processati come frutta e verdura. Quello che in molti si chiedono è indicata per tutti e non solo si può seguire a lungo? Inoltre aiuta a perdere peso?

La dieta Paleo: tutto quello che c’è da sapere

La dieta Paleo o paleolitica è un regime alimentare che sta spopolando sul web, più persone si sono avvicinate a questo regime alimentare, ma sarebbe opportuno capire di cosa si tratta, ossia quali possono essere i pro e quali i contro.

dieta Paleo
(Canva photo)

Innanzitutto quando si decide di perdere peso o seguire una dieta di mantenimento sarebbe opportuno rivolgersi al nutrizionista, una persona esperta che potrà sicuramente indirizzarti al meglio. Non è sempre corretto talvolta si decide di cambiare drasticamente il proprio regime alimentare e l’organismo ne potrebbe risentire.

La dieta Paleo si adatta allo stile di vita dell’uomo primitivo, ossia non si integrano nella dieta cibi processati, finger food, prodotti lattiero caseari, trasformati, contenenti additivi, conservanti, ma solo alimenti  “naturali”, non trasformati dall’industria alimentare.

Effettivamente nell’era paleolitica l’uomo si nutriva di quello che la natura gli offriva, prodotti della terra, pesca e caccia. Quindi questo regime alimentare si basa sull’assunzione di alimenti come frutta, verdura e proteine soprattutto animali, riducendo così il rischio di incorrere problemi cardiovascolari o metabolici. Si possono però inserire nella dieta i carboidrati, ma solo le castagne, le patate, le patate dolci e tutti i tuberi. I grassi consentiti sono quelli derivanti dal pesce, ossia gli acidi grassi omega 3, che ritroviamo nelle alici,  sgombro. Inoltre è consentita anche la frutta secca e dai semi oleosi, olive, e avocado.

Nella dieta paleolitica i grassi assunti non sono pochi, si fa riferimento ad acidi grassi insaturi. Discorso ben diverso per le proteine, la quota da assumere è maggiore rispetto a quella consigliata dalle attuali linee guida e dalla dieta mediterranea.

Quindi possiamo dire che non è una dieta ben bilanciata, che può avere effetti benefici in caso di alterata glicemia o insulina. Se concentriamo l’attenzione sui “difetti” di questa dieta è che a lungo andare si potrebbero sviluppare delle carenze nutrizionali.

Quindi prima di iniziare a seguire una dieta consulta sempre il medico!


Sei in cerca di altri consigli per un’Alimentazione Sana? Leggi gli altri articoli di Mamme in Cucina sullo stesso argomento!