Attenzione: tra non molto potresti perdere parte dei tuoi risparmi. Ecco come evitarlo

All’orizzonte ancora brutte notizie per gli italiani, che potrebbero veder scendere la somma presente sui loro conti in banca, perdendo almeno parte dei loro risparmi.

Non ci sono buone notizie per gli italiani: a breve infatti molti potrebbero perdere parte del loro risparmi e veder scendere il loro conto in banca.

perdere risparmi
Canva Photo

Sappiamo infatti che la Bce si sta preparando ad alzare i tassi di interesse e a normalizzare le condizioni monetarie. Tutto ciò per evitare un’eccessiva inflazione.

L’aumento dei prezzi è un fattore che abbiamo riscontrato sia in Europa che negli USA e qui è legato soprattutto al costo dell’energia. L’assunto di base quindi è che questo aumento non venga traslato anche sulla famiglie, facendo perdere loro parte del potere di acquisto.

Questo avrà però conseguenze dirette sui conti correnti degli italiani. L’Eurotower molto probabilmente alzerà i tassi a partire da luglio e, di conseguenza, il primo punto a sfavore dei cittadini è che chiunque abbia stipulato un mutuo, vedrà aumentare le rate se legate ad un tasso variabile.

Un incremento dell’Euribor potrebbe far aumentare una rata mensile di 25 – 50 euro, con picchi che sfiorano i 100 euro.

E non finisce qui, perché anche sui conti correnti ci saranno cambiamenti e quindi tra non molto qualcuno potrebbe perdere parte dei suoi risparmi. Ecco perché (e come evitarlo).

Alcuni italiani potrebbero perdere i loro risparmi

L’aumento dei tassi di interesse della BCE avrà conseguenze dirette sui nostri conti correnti, quindi qualcuno potrebbe veder scendere i suoi risparmi.
perdere risparmi
Canva Photo

Ecco perché bisogna valutare bene adesso cosa fare dei propri soldi e come evitare di perdere somme più o meno elevate.

Questo perché, a causa dell’inflazione, il valore reale del denaro diminuirà. Come fare, quindi, per ovviare a questo problema? Valutando strumenti alternativi al conto corrente.

Tutti gli istituti bancari del resto li mettono a disposizione dei contribuenti, quindi sarebbe bene valutare il passaggio dal semplice conto corrente ad uno di questi.

Quale scegliere ad esempio? Il conto deposito. Trattasi in sostanza di un conto su cui il capitale è vincolato per un determinato periodo di tempo.

Terminato l’arco temporale – che sarà comunque prestabilito – il contribuente potrà non solo accedere di nuovo al suo denaro, ma anche ottenere egli interessi su quanto investito.

In questo modo, questi potrebbero compensare le perdite dovute all’aumento dell’inflazione e quindi i tuoi risparmi potrebbero essere al sicuro e non scendere.

Nel frattempo in ogni caso, se il tuo problema è che spendi troppi soldi in vestiti, ecco come potresti risparmiare.

In ogni caso, ovviamente ognuno conosce le sue esigenze e sa cosa è meglio per sé stesso, quindi prima di arrivare a decisioni avventate, sarebbe bene parlare con il propri consulente di fiducia e chiedere un parere.