Sai che esistono metodi per risparmiare sull’assicurazione dell’auto?

Risparmiare sull’assicurazione dell’auto non solo è possibile, ma è anche facilissimo. Ecco qualche segreto che potrà tornarti utile.

La Responsabilità Civile Autoveicoli, anche nota come RC Auto o RCA, è un contratto assicurativo che tutela il proprietario di un veicolo dai rischi che derivano dalla circolazione stradale.

Risparmiare assicurazione auto
Canva Photo

Grazie alla polizza, infatti, il conducente è tutelato da eventuali danni derivanti dalla circolazione stradale.

Il risarcimento, infatti, non sarà così a suo carico, perché con la stipula del contratto, il tuo patrimonio sarà protetto e ritenuto indenne rispetto a eventuali richieste di risarcimento.

L’RC auto copre però il conducente entro un certo limite, detto massimale. Il cosiddetto premio – cioè la cifra da pagare per la copertura assicurativa desiderata – viene calcolato dalle compagnie assicurative in base alle probabilità che ha il conducente del veicolo di provocare incidenti.

Si tratta in sostanza di una stima quindi, basata su una serie di dati oggettivi e soggettivi (come il tipo di veicolo, l’età del conducente, la città in cui questo risiede e così via).

Ma come possiamo risparmiare sull’assicurazione? Ecco qualche dritta per te.

Ecco come risparmiare sull’assicurazione dell’auto

La prima cosa che dovresti fare per risparmiare sull’assicurazione è assicurarti di aver scelto quella giusta per te. Può sembrare banale, ma non lo è affatto.

Risparmiare assicurazione auto
Canva Photo

In Italia sono presenti più di 40 compagnie assicurative e le loro tariffe cambiano e neanche di poco spesso.

Inoltre molte volte nel corso dell’anno queste possono subire variazioni, quindi occhio alle offerte.

Sappi che a partire dal 2013 è abolito il tacito rinnovo. Quindi non dovrai più disdire la polizza per cambiare compagnia, ma ti basterà aspettare la scadenza del vecchio contratto.

Per decidere a quale compagnia affidarti però non basta valutare il prezzo: dovresti valutare anche altri fattori.

Tra questi vi sono i massimali. Quelli massimali minimi previsti dalla legge sono di 1 milione di euro per i danni alle cose e di 5 milioni di euro per i danni alle persone. Se vuoi garantirti maggiore tranquillità, dovresti optare una polizza che ti garantisce un massimale più alto a fronte di un premio leggermente maggiorato.

Un altro fattore da considerare è la franchigia. Alcune compagnie prevedono la possibilità di uno scoperto franchigia a fronte di un premio più basso.

Ma non farti ingannare: non conviene davvero come sembra. Rischi di avere uno scoperto anche di centinaia di euro a fronte di poche decine di euro di risparmio sul premio.

Per risparmiare sull’assicurazione, dovresti proprio valutare le compagnie dirette. Queste si chiamano così perché, a differenza di quelle tradizionali, non hanno una rete di agenzie o di intermediari assicurativi, ma operano soltanto tramite canali di comunicazione diretta come internet e telefono.

In genere queste offrono le stesse condizioni di quelle standard, ma minori tariffe, dal momento che devono sostenere costi minori, quindi non escluderle a priori.

Attenzione alla classe di merito: se vuoi ottenere preventivi corretti ricordati di inserire sempre la Classe di Merito Universale. Questa è uguale per tutte le compagnie, dal momento che segue regole condivise da tutte, a differenza di quella interna, assegnata secondo regole che cambiano in ogni agenzia.

Fai attenzione quindi a non fare confusione tra le due: nell’attestato di rischio, la Classe di Merito Universale è segnalata con la sigla CU.

Per ottenere un’assicurazione più vantaggiosa, puoi anche appoggiarti alla classe di merito di un altro conducente, intestando a lui la polizza.

Occhio anche alle garanzie accessorie: ne esistono tantissime, quindi valuta quelle che potrebbero tornarti utile. La più conosciuta è di sicuro quella furto e incendio, ma ce ne sono tante, come la tutela legale, l’assistenza stradale e così via.

Detto ciò, non possiamo non parlare anche della Legge Bersani, che potrebbe permetterti di risparmiare non poco. Secondo questa Legge, se acquisti un veicolo nuovo o usato puoi beneficiare di una classe di merito inferiore a quella di ingresso (14esima) e risparmiare sull’assicurazione. Ma per farlo devi essere in possesso di vari requisiti, tra cui che il proprietario dell’auto da assicurare e quello dell’auto già assicurata coincidano, oppure che siano conviventi ed appartenenti allo stesso Stato di Famiglia.

Assicurati comunque di conoscere tutti i requisiti e di rientrarvi. Ovviamente anche le modalità di pagamento scelte per l’assicurazione possono farci risparmiare.

Ad esempio, il pagamento annuale risulta spesso più conveniente della reateizzazione, che comporta in genere spese aggiuntivi.In ogni caso, ti sveliamo un altro segreto e cioè che puoi risparmiare anche sui condizionatori in estate e raffreddare lo stesso la casa.

Adesso comunque sappiamo che possiamo anche risparmiare sull’assicurazione dell’auto.