COME FRIGGERE BENE IL PESCE: consigli utili

Se desiderate servire alla vigilia di Capodanno e non solo del pesce fritto perfetto è opportuno seguire qualche piccolo consiglio.

Spesso si decide di friggere il pesce a casa, sicuramente non mancherà alla vigilia di Capodanno, ma diciamocela tutta non è facile farlo alla perfezione. Infatti non è da tutti saper friggere il pesce correttamente, perchè talvolta potrà essere unto e poco croccante.

Il pesce fritto si soliti gustare al ristorante perchè lo chef lo sa cuocere bene, ma non è impossibile friggere a casa bene il pesce.

Noi di Mammeincucina siamo qui per darvi qualche piccolo consiglio su come friggere correttamente il pesce così da servire un piatto asciutto e poco unto, soprattutto croccante.

LEGGI ANCHE -> MENU’ DI CAPODANNO: 4 fritti facili per l’aperitivo

COME FRIGGERE BENE IL PESCE: consigli utili

Non si finisce mai di imparare in cucina, ci sono dei semplicissimi trucchi e consigli utili che possono essere di aiuto così potrete friggere bene il pesce.

In molte citta italiane si preparano tantissime pietanze tradizionali che prevedono la frittura, se vi è capitato di visitare Napoli avrete assaggiato sicuramente il cuoppo fritto di pesce, è famosissimo ed è così buono e croccante, cliccate qui per scoprire come prepararlo a casa in pochi minuti.

pesce fritto padella
(Canva photo)

La frittura è il metodo di cottura molto diffuso e conosciuto in tutto il mondo, sono tantissime le pietanze fritte, pensiamo ai crocchè, panzerotti, montanare, polpette, pesce fritto, ma anche pietanze dolci come le frittelle con lo zucchero, panzerotti dolci, ciambelline e struffoli, tipico dolce delle feste natalizie.

Cerchiamo di capire come friggere bene il pesce a casa e servire un piatto perfetto come da vero chef! Così se avrete voglia anche voi del cuoppo di pesce fritto potrete prepararlo alla perfezione.

Facciamo una premessa la frittura di un cibo non è sempre poco salutare come metodo di cottura, basta prestare attenzione! L’attenzione deve essere posta maggiormente rispetto ad altri metodi di cottura, l’importante è non superare il punto di fumo, perchè si potrebbero formare sostanze nocive.

Gli chef consigliano sempre di asciugare bene il pesce, che deve essere lavato ed eviscerato, poi prima di prepararlo alla frittura in mood tale che sarà.Basterà utilizzare la carta assorbente da cucina. Non solo, preparate subito quello che vi occorre per la frittura.

La padella deve essere capiente in base alla quantità di pesce da friggere, poi dovrete mettere abbondante olio di semi di arachide o semi di girasole alto oleico, quindi oli raffinati che contengono meno acidi grassi liberi, rispetto agli oli vergini. Non basta dovrete avere a disposizione un termometro da cucina, così la temperatura perfetta dovrà essere compresa tra i 160°-180°, non dovrebbe essere mai superata.

Riscaldate l’olio e poi solo adesso potete preparare il pesce alla frittura, deve essere infarinato o nella farina o nella semola di grano duro. Inoltre ricordate di scuotere bene, così non si sporcherà l’olio con i residui di farina. Inoltre per garantire una frittura perfetta ricordate di non infarinare molto tempo prima altrimenti si inumidirà troppo la farina.

Il pesce andrà immersi completamente nell’olio così si garantirà una frittura perfetta e il pesce non sarà molliccio e poco croccante.

Giratelo a metà cottura e così da garantire una frittura corretta e non solo ricordate che il pesce non deve essere servito direttamente. C’è uno step da non saltare. Il pesce va tolto con una schiumarola, così da far sgocciolare bene l’olio e poi poggiate il pesce su un piatto con carta assorbente da cucina o carta del pane e fate assorbire l’olio in eccesso.

Poi trasferite su un piatto da portata e salate e gustate. Ricordate che il pesce non va mai salato mentre si frigge perchè il sale per effetto osmosi richiama l’acqua quindi inumidirà la superficie esterna del pesce.

LEGGI ANCHE -> CALAMARI GRATINATI PERFETTI: ricetta passo passo della tradizione, facile facile!

Questo è l’errore che in molte fanno in cucina rischiando di servire un pesce molliccio e poco perfetto.

Dopo la frittura potete servire il pesce su un piatto da portata e poi salare. Adesso anche voi potrete servire il pesce fritto bene!