ALLERTA ALIMENTARE per diversi lotti di LATTE. Cosa si rischia

allerta alimentare
(AdobeStock photo)

Negli ultimi giorni è scattata una maxi allerta alimentare per diversi lotti di latte. Scopriamo di quali si tratta e cosa si rischia esattamente.

Il latte è tra gli alimenti più consumati al mondo. Tanto che ogni mamma sa bene come questo sia da sempre uno degli ingredienti principali della prima colazione. Già pronto da bere, buona fonte di proteine e solitamente con un gusto gradevole anche ai più piccoli, il latte è certamente presente in quasi tutte le tavole e sopratutto durante la prima colazione.

È quindi molto importante informarsi sulla sua salubrità e su quei lotti che possono essere soggetti a richiamo. Un esempio ne è la maxi allerta scatta in questi giorni per alcuni lotti di latte richiamati per la presenza di sostanze inibenti.

Allerta alimentare per diversi lotti di latte: ecco quali sono

allerta alimentare
(AdobeStock photo)

L’annuncio arriva dal Sito del Ministero della salute e potrebbe essere ancora in fase di aggiornamento. Nelle ultime ore, infatti, sono stati aggiunti nuovi lotti ad un precedente richiamo.

LEGGI ANCHE -> ALLERTA ALIMENTARE grave per prodotto di TIGER: cosa si rischia

Al momento quelli ritirati sono tutti prodotti dal marchio Latte Vivo srl con sede in via Lombardia 2 a Tavagnasco (UD). Il marchio dello stabilimento (presente sulle confezioni) è invece IT 06 33 CE.

La denominazione è quella di Latte fresco pastorizzato parzialmente scremato.

Andando invece ai marchi, quelli richiamati al momento sono i seguenti:

  • Latte Vivo parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/2021
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: cartone da 500 e 1000 millilitri

 

  • Bianco Friuli parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: cartone da un litro

 

  • Blanc parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia pet da 1 litro e cartone da 500 millilitri

 

  • Cadoro parzialmene scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia da 1000 millilitri

 

  • Latte Carso parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia da 1000 millilitri

 

  • Coderno parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia pet da 1000 millilitri

 

  • Mungi e Bevi parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/2021
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: cartone da 1000 ml

 

  • Cadorno ti conviene parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: cartone da 1000 ml

 

  • Affresco Alta Levità parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia pet da 1 litro

 

  • Io Fvg parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia pet da 1000 millilitri

 

  • Lessinia parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia pet da 1 litro e cartone da 500 millilitri

 

  • Latteria Cividade parzialmente scremato
  • Numero di lotto 12/09/21
  • Data di scadenza: 12 Settembre 2021
  • Confezione: bottiglia pet da 1000 millilitri

Tutti i lotti sopra citati sono stati richiamati per presenza di sostanze inibenti. Termine che viene solitamente usato in presenza di antibiotici o altre sostanze. In questo caso, non sono state specificate.

LEGGI ANCHE -> ALLERTA ALIMENTARE: richiamato prodotto gastronomico

I consumatori che hanno acquistato uno o più lotti delle confezioni elencate qui sopra sono pertanto pregati di non consumare il prodotto e di riportarlo presso il punto vendita.

Qualora lo si fosse consumato ci si può rivolgere al proprio medico di base per informazioni su come muoversi.

Perché è pericoloso bere i lotti di latte sopra indicati: cosa si rischia

allerta alimentare
(AdobeStock photo)

La presenza di sostanze inibenti rende il latte soggetto ad un rischio chimico. Ovvero, alla presenza di sostanze considerate pericolose in quantità superiori a quelle previste per legge. Che si tratti o meno di antibiotici è quindi decisamente rischioso consumarlo.

Restare sempre aggiornati sulle allerte alimentari è un buon modo per prendersi cura di se e della propria famiglia. Farlo aiuta infatti ad evitare di portare in tavola quei cibi che vengono puntualmente segnalati perché poco conformi, per una sana alimentazione.