MIELE IN CUCINA e i suoi possibili utilizzi che neanche immagini

miele
(Pixabay photo)

Il miele è il dolcificante che viene utilizzato in cucina, ma conoscete le diverse tipologie e non solo, anche i possibili usi? Noi vi li sveliamo.

Il miele è il dolcificante che alcuni utilizzano per preparare tanti dessert e non solo anche per insaporire bevande. E’ un prodotto delle api conosciuto e apprezzato sin dall’antichità. Non solo in passato veniva utilizzato come dolcificante naturale, ma spesso utile in caso di malanni di stagione. Non a caso il miele è un antibatterico naturale, ha un’azione anche antinfiammatoria. Spesso si scioglie in acqua o latte caldo per alleviare il mal di gola, il classico rimedio delle nostre nonne, ma siete sicuri di conoscere tutti gli utilizzi del miele? Noi di Mammeincucina siamo qui per darvi qualche piccolo consiglio sui possibili usi del miele in cucina.

Miele in cucina e i possibili usi che non immagini

Il miele è un dolcificante che si può utilizzare in diversi modi in cucina, ha un sapore unico e davvero inconfondibile. C’è chi preferisce averlo in dispensa solo per dolcificare una tazza di latte o di tè e non sa come utilizzarlo in modo diverso. C’è chi preferisce utilizzarlo solo in caso di mal di gola o per curare i malanni di stagione.

miele
(Pixabay photo)

Ma noi vi sveliamo i trucchi per utilizzarlo in modo diverso. Innanzitutto va ricordato che il miele ha un grande potere energetico spesso consigliato agli atleti e per i soggetti che soffrono di ipoglicemia. E’ necessario fare una premessa non esiste un solo tipo di miele di solito quello più acquistato e utilizzato è d’acacia ma ne sapete che ne esistono altri ecco quali.

-D’acacia. Miele dal colore chiaro, ha un sapore molto neutro infatti si può utilizzare sia per le preparazioni dolci che salate. Cristallizza raramente, utilizzatelo per accompagnare le pietanze salate, Magari se servite un tagliere di formaggi stagionati, come il formaggio pecorino, grana, o parmigiano distribuitene un pò sopra.

-D’arancio. Un miele dal colore chiaro e dal sapore tipico degli agrumi come limone, arancia, bergamotto, infatti si presta benissimo per dolcificare una torta o per marinare il pesce e carne. Anche questo miele tende a cristallizzare raramente. Il sapore potrebbe cambiare in base al frutto di partenza, provate a insaporire il pollo o tacchino cotto alla griglia o al forno.

-Millefiori. A differenza del miele sopra citato il colore potrebbe variare dal giallo al rosso ambrato. Il motivo è semplice si ottiene da pollini di diversi fiori. Molto versatile in cucina, grazie al suo sapore potete dolcificare non solo il caffè e il latte, ma se lo spalmate sul pane in cassetta leggermente riscaldato o sulle delle fette biscottate non riuscirete a resistere a tanta bontà. Ma in estate provatelo su macedonie e gelato. Ma si sposa benissimo con i formaggi stagionati magari da servire con delle noci fresche.

-Castagno. Ha un colore molto scuro e non solo anche il sapore è deciso e amarognolo, infatti non tutti gradiscono. Ma a differenza degli altri si presta benissimo da spalmare su del pane o formaggi. Provate ad accompagnare con secondi a base di carne.

-Eucalipto. Ha un sapore che ricorda quello del brodo, è molto persistente, infatti è perfetto da servire con piatti a base di pesce o carne, ma si sposa benissimo con i formaggi stagionati come il grana e il parmigiano, non solo provate a spalmare anche sui formaggi magri. 

Non sono solo questi ma ci sono anche altri di poco uso, ma il miele si può utilizzare in modi diversi ecco quali.

E’ vero che miele si può utilizzare per la preparazione di dolci, ma per quelli che vanno cotti nel forno, quindi sottoposti a temperature alte rischiate di farlo caramellizzare. Quindi ponete attenzione, se volete utilizzarlo come sostituto dello zucchero, se la ricetta prevede 100 grammi di zucchero bianco occorrono circa 80 grammi di miele.

Fate attenzione se dovesse cristallizzare allora non potete fare altro che seguire questi piccoli trucchi.

Vogliamo lasciarvi con un piccolo consiglio, il miele non si deve mai conservare in frigorifero, purtroppo è un errore molto comune perchè tenderebbe a cristallizzarsi in pochissimo tempo. Neanche vicino a fonti di calore perchè si scioglierà, l’ideale è in dispensa, l’importante che sia un luogo fresco e asciutto. Il miele essendo molto zuccherino purtroppo se si trova in un ambiente umido assorbe molto velocemente acqua. Per questo motivo il miele deve sempre stare in contenitori a chiusura ermetica. Ricordate che il miele biologico o quello molto costoso utilizzatelo a crudo.

Adesso avete le idee più chiare sugli usi possibili del miele in cucina, non solo puoi prenderti cura della tua pelle, scopri in modo.