Richiamate diverse barrette fit

barrette
fonte foto: Adobe Stock

Allerta alimentare per diverse barrette. Scopriamo quali sono e cosa si rischia mangiandole.

Le barrette rientrano tra gli alimenti più in voga negli ultimi anni. Grazie alla loro praticità e al mix di ingredienti solitamente sani e al contempo golosi, rappresentano infatti uno spuntino semplice e perfetto per essere gustato in ogni momento della giornata. Purtroppo, trattandosi di prodotti che vengono processati, rientrano tra gli alimenti che possono andare incontro a richiami alimentari anche importanti. Esattamente quanto avvenuto per alcune barrette della San Marco Fit Me Well.

Richiamate barrette della San Marco Fit Me Weell

barrette ai cereali allerta
barrette ai cereali – Fonte: Adobe Stock

L’allerta arriva come capita spesso dal sito del Ministero della Salute dove sono stati riportati i dati per identificare le barrette.

  • Nome del prodotto: Barrette combo 1 ric. Ciocc semi di sesamo e girasole, semi di sesamo e lino e semi di sesamo e canapa
  • Marchio: San Marco Fit Me Well
  • Lotto: 010920
  • Data di scadenza: 01/06/2021
  • Produttore: Dolciaria di Cologna Veneta sr
  • Marchio di identificazione: Stab. Cologna Veneta via Qauri Destra 45
  • Confezione: scatoletta in cartone con 3 barrette da 35 g
  • Motivo del richiamo: Presenza di ossido di etilene contenuto nei semi di sesamo e presente in misura oltre i limiti di legge

I consumatori che hanno acquistato il prodotto con sopra riportato lotto e data di scadenza, sono pregati di non consumarlo per nessun motivo e di riportarlo presso il punto vendita. In questi casi la prassi prevede un rimborso o la sostituzione con un prodotto di equivalente valore. Qualora si fossero già consumate le barrette, il consiglio è quello di chiedere un parere al proprio medico curante.

Perché non si devono mangiare le barrette sopra indicate

barrette
barrette – Fonte: Pixabay

Come già detto, e barrette richiamate contengono una concentrazione di ossido di etilene che supera i limiti di legge. Si tratta di una sostanza potenzialmente pericolosa ma presente in molti alimenti poiché funge da insetticida e da prodotto in grado di evitare la formazione di muffe. Essendo tossico e potenzialmente cancerogeno, sono stati fissati dei limiti oltre i quali se riscontrato viene richiamato dal mercato.

Restando in tema di allerte alimentari rendiamo note le più recente e ancora attive che sono:

Continuate a seguirci per restare sempre aggiornati sulle varie allerte. Un modo per portare in tavola solo prodotti sicuri, evitando quelli che di volta in volta vengono richiamati dal mercato.