Risotto cremoso e cotto al punto giusto, ecco gli errori da evitare!

Risotto cremoso
(Adobestock photo)

La preparazione del risotto sembra facile ma in realtà si nascondono moltissimo insidie, oggi vedremo come preparare un risotto cremoso perfetto ed evitare alcuni errori comuni.

La ricetta del risotto impeccabile è facile solo all’apparenza, ci sono enormi difficoltà nel prepararlo e solo chi utilizzerà questi pratici trucchi eviterà una riuscita poco soddisfacente, scopriamo insieme tutti gli errori da non fare durante la preparazione del risotto.

Un risotto a regola d’arte

La ricetta del risotto in sé per sé non è difficile, basta attenersi a semplice norme che diverranno poi via via abitudine, nel momento in cui avremo acquisito la giusta dimestichezza nel prepararlo. Il risotto è un piatto molto prelibato, versatile, che si sposa con le ricorrenze le feste natalizie. Preparare ad esempio un buon risotto alla pescato ora è sicuramente un’arma invincibile da portare in tavola e gustare con tutta la famiglia magari per il cenone di Capodanno.

Risotto cremoso
(Adobestock photo)

In moltissime case il risotto si fa almeno una volta alla settimana, mescolare di tanto in tanto l’intingolo che condisce e profuma il risotto è quasi rilassante, magari sorseggiando un buon bicchiere di vino rosso, facendosi inebriare da tutti i profumi che il nostro risotto emana. Basta però non commettere questi errori comuni, errori che potrebbero compromettere la riuscita perfetta.

  • Prima di tutto, va detto che il risotto deve essere mescolato spesso, non dobbiamo fermarci, di tanto in tanto va mescolato cosicché i chicchi rimasti più lontani vengano tirati all’interno, al centro, nel cuore del risotto grazie alla nostra mescolata.
  • Estremamente importante è usare la pentola giusta, andrebbero bene anche delle padelle purché nonna disperdano eccessivamente la quantità di riso che stiamo utilizzando. Munitevi sempre di padelle di dimensioni adeguate alla quantità di riso che intendete cucinare. L’ideale è avere un tegame abbastanza ampio con delle pareti medie che riesca a contenere il riso e brodo in maniera molto agevole e che distribuisca benissimo il calore.
  • Un risotto perfetto deve cuocere in maniera omogenea, non si devono quindi lasciare i chicchi in disparte ma anche il soffritto, l’inizio della preparazione vuole la sua parte. Mai includere nel soffritto cipolla o scalogno in pezzi più grandi rispetto ai chicchi di riso, resterebbero crudi e appesantirebbero il sapore ultimo del risotto. Il modo migliore per fare il soffritto è infatti quello di lasciarlo appassire lentamente così che prenda quel colore dorato. Nel momento in cui aggiungeremo il soffritto dovrà essere ancora chiaro e morbido. Dopodiché il modo per ottenere un risotto impeccabile è quello di bagnare via via il tutto con del brodo caldo.

E ancora…

  • Se siete solite mescolare nel burro la cipolla, unire il riso, e lasciar tostare, quindi con i liquidi, state commettendo un errore. La cipolla resterà cruda e scrocchierà addirittura sotto i denti. Nel condimento dovete aspettare che la cipolla tritata sia ben cotta mescolando di tanto in tanto con l’aggiunta di acqua o brodo. Unire poi il riso e in quel preciso momento far tostare. Il riso dovrà tostare pochissimi minuti per evitare che la cipolla si bruci, quindi bisognerà, anche in questo caso, mescolare di continuo facendo insaporire via via il riso sempre di più.
  • Tenete a mente un punto molto importante: è proprio la tostatura che fa la differenza tra risotto e riso bollito, infatti la tostatura riesce a mantenere la parte esterna del chicco così che questo non rilasci troppo amido, resterà così compatto, al dente conservando la sua forma originaria.
  • Un gravissimo errore è quello di utilizzare della brodo scadente, un buon brodo deve avere anche una minima parte di grassezza quindi è sconsigliato quello vegetale. Da evitare sono i dadi comprati granulari oppure in gel. Il brodo fatto in casa di pollo di carne andrà benissimo e renderà giustizia al vostro risotto perfetto.
risotto senza errori
(Adobestock photo)

Cosa utilizzare per il risotto perfetto? Burro o olio? Scopriamolo insieme

Il risotto è una ricetta originaria del settentrione e la sua parte grassa è proprio il burro, sfatiamo il mito per il quale il burro fa malissimo alla salute poiché, se usato in modiche quantità e non sottoposto ad alte temperature si può consumare saltuariamente senza problemi. Il burro è fondamentale per un risotto cremoso nella fase di mantecatura, aggiunto molto freddo al risotto che abbiamo appena tolto dalla fiamma riesce a legarsi in maniera meravigliosa con il riso formando quella gustosa cremina.

Sì all’olio extravergine d’oliva per il soffritto iniziale, no per la mantecatura. Provare per credere!