Tutti i segreti per preparare una brioche eccezionale

brioche eccezionale: tutti i segreti
(Pixabay photo)

La brioche è un dolce davvero soffici e intramontabile, ricco e gustoso, l’alimento ideale per una colazione quei fiocchi, per iniziare con il piede giusto la giornata. Le brioches possono avere moltissime forme, anche i cornetti spesso vengono chiamati brioche, possiamo averle e consumarle ovali, tonde, intrecciate, la formula è sempre la stessa tanta morbidezza per un gusto davvero unico.

È possibile anche personalizzare le brioches in base ai propri gusti, ci sono quelle farcite con dei ripieni da leccarsi i baffi, ma anche quelle semplici, vuote. Si possono fare con crema di cioccolato, con marmellate e confetture fatte in casa, con il miele, ma anche con delle creme prelibate come ad esempio la crema pasticciera. Tutto ciò che ti serve per realizzare delle brioche perfette è un uovo, 450 g di farina 00, la Manitoba sarà perfetta, 200 ml di latte, se si è intolleranti una bevanda vegetale a scelta tra cui l’avena, la soia, il riso integrale e così via. Inoltre sono indispensabili 100 g di zucchero, 100 g di burro, 8 g di lievito di birra fresco e un pizzico di sale.

Come realizzare una brioche perfetta

Da non dimenticare che le brioches, una volta che saranno ultimate, vanno necessariamente spennellate con del latte quanto basta e dello zucchero, a volte è bene anche aggiungere un uovo sbattuto per conferire ad ogni morbida brioche quel tocco dorato, dai colori caldi. Procedere nella maniera perfetta è essenziale per un risultato garantito.

brioche
(Pixabay photo)

La preparazione semplice ma accurata

Per iniziare la prima cosa da fare è sicuramente quella di stiepidire il latte, non deve risultare né troppo caldo né troppo freddo. Quindi metti in un pentolino il latte tiepido con il lievito di birra e farlo sciogliere completamente. Ora, all’interno di una ciotola bella capiente puoi versare l’uovo, lo zucchero e mescolare con cura. Via via aggiungi il lievito con il latte dapprima mescolati. Mentre mescoli inizia ad aggiungere la farina, un pizzico di sale e ad impastare per qualche minuto. Ora ammorbidisci il burro a bagno Maria e aggiungilo anche esso al composto continuando sempre ad impastare. Bisognerà impastare per una decina di minuti circa, fino a quando non otterrai un panetto bello morbido anche se è un tantino appiccicoso.

È possibile utilizzare anche la planetaria, ovviamente il tempo di preparazione si dimezzerà. A questo punto, l’impasto deve lievitare coperto in un luogo caldo con un canovaccio per almeno due ore. L’impasto raddoppierà del suo volume. Finito il tempo di lievitazione puoi dividere l’impasto in due parti, e stendere tutte le tue palline su un piano da lavoro dapprima infarinato, devi creare due cerchi.

Inizia tagliarle a spicchi come se stessi preparando una pizza al taglio. Inizia ad arrotolare ogni spicco e vedrai che otterrai fin da subito dei splendidi cornetti da Barbara.se preferisci delle brioche belle cicciotta e tonde puoi semplicemente comporre delle palline di 100 g l’una.

A questo punto accendi il forno a 180° in modalità statica e non appena avrà raggiunto la temperatura può iniziare a spennellare le tue brioche con latte, zucchero uova piacere. Lasciale cuocere per almeno 25 minuti in forno a 180°. Ogni forno è a sé potrebbe volerci anche qualche minuto di meno. Sforna le brioches e lasciali raffreddare prima di servirle.

Attenzione! Consigli utilissimi

Il sale deve essere aggiunto come ultimo ingrediente, prima di mettere la farina, basta semplicemente un pizzico di sale. Puoi farcire le tue brioche come più preferisci, basterà mettere un cucchiaino di farcitura all’interno e chiudere il cornettino oppure la brioche tonda. Controlla sempre la temperatura del latte prima di aggiungere il lievito, non dovrà essere né troppo caldo né troppo freddo.

I segreti

Una brioche che ha un bell’aspetto non è detto che sia sempre sana e digeribile, ci sono infatti dei piccoli segreti per riconoscere la bontà autentica di una brioche: il colore esterno deve essere necessariamente nocciola con un interno quasi chiaro giallo paglierino. Sono questi i colori che caratterizzano una brioche a regola d’arte. Se percepisci una lieve nota di acidità, non preoccuparti! Questo dipende semplicemente dalla fermentazione, sta ad indicare che l’impasto ha lievitato perfettamente e che la tua brioche sarà più digeribile.

La consistenza della brioche deve avere un esterno croccante e un interno super soffice. Quando stringiamo la brioche tra le mani, tra il pollice e l’indice, percepiremo tutta la sua morbidezza, e ci accorgeremo che la pasta torna indietro, questo significa che la brioche ha lievitato in maniera ottimale.

Quando acquistiamo una brioche al supermercato, dobbiamo fare attenzione all’involucro e leggere esattamente e con concentrazione l’etichetta, ricorda sempre che, meno ingredienti ci sono, più il prodotto sarà di qualità, una brioche che sull’etichetta vede scritti troppi conservanti o miglioratori di origine animale sicuramente non sarà così genuina.

Brioche morbidissime per una colazione super!
(foto di Denis Carito)

L’interno delle brioche deve avere un alveolatura impeccabile. Infatti, tutti i fori dell’impasto dovrebbero essere di media dimensione. Se invece risultassero troppo piccolini o viceversa, troppo grandi, sarebbe a rischio la buona digeribilità della brioche. Che ne diresti di una brioche con crema di pistacchio e solo tre ingredienti?

Inoltre, se la base della nostra brioche è troppo piatta significa che c’è stato un errore durante le fasi della preparazione oppure che la brioches non ha lievitato abbastanza. Ma non finisce qui, tutto ciò che concerne la sfogliatura non dovrebbe essere né troppo spessa né troppo sottile quindi, se capovolta, non deve avere una forma a conca, questo starebbe ad indicare che l’impasto delle nostre brioche ha trattenuto troppo umidità in cottura e che quindi, anche in questo caso, la digeribilità potrebbe non risultare ottimale. D’ora in poi, fai caso a tutti questi dettagli, indispensabili per ottenere una brioche perfetta.